coronavirus-amazzonia

Un gruppo radicale di missionari cristiani evangelici pronti a convertire ogni ultima tribù sulla Terra ha sollevato timori che malattie mortali – e persino il coronavirus – possano diffondersi nell’Amazzonia brasiliana. Il gruppo, infatti, pare abbia sorvolato in elicottero una riserva con la più alta concentrazione mondiale di gruppi indigeni isolati, con poca resistenza alle malattie comuni.

Ci sono più di 100 gruppi indigeni isolati in Brasile, tutti altamente vulnerabili a malattie comuni come il morbillo e l’influenza, e 16 di loro vivono nella stessa riserva nella valle di Javari, una vasta e remota area delle dimensioni dell’Austria. Covid-19 potrebbe spazzarli via.

I video pubblicati nel 2018 dall’organizzazione missionaria statunitense Ethnos360 – precedentemente chiamata New Tribes Mission – miravano a raccogliere fondi per acquistare l’elicottero, dicendo che sarebbe stato utilizzato per raggiungere “nuovi gruppi di persone“.

L’antropologo Ricardo Lopes Dias, ha lavorato per 10 anni per New Tribes accanto alla valle di Javari. “La storia ci mostra che qualsiasi malattia contagiosa può essere catastrofica per queste persone“, ha spiegato.

tribù-amazzonia

 

Il coronavirus potrebbe sterminarli tutti

I medici hanno anche evidenziato il pericolo di Covid-19 per le tribù isolate. Secondo il sito Amazônia Real, un uomo indigeno Marubo adulto e le sue due figlie sono sospettati di avere il virus. Si dice che tutti e tre siano isolati in Atalaia do Norte, una città sul bordo settentrionale dell’Amazzonia. I campioni per i test devono essere inviati a Manaus, a oltre 1.000 km di distanza.

Questo virus è un potenziale killer che potrebbe facilmente spazzare via l’intera comunità“, ha detto Adam Mol, un medico polacco che ha lavorato con tribù remote nella valle di Javari. Mol ha citato il caso del missionario americano John Chau, ucciso da una tribù di cacciatori-raccoglitori l’anno scorso dopo essere sbarcato sull’Isola North Sentinel nell’Oceano Indiano per illustrare i rischi che New Tribes presenta nella regione. “Ha letteralmente accettato di ucciderne alcuni con la scusa di portare loro la parola di Dio. È letteralmente così che pensano queste persone”, ha detto Mol.

I cristiani evangelici hanno esteso la loro influenza in Brasile sotto il presidente di estrema destra del paese, Jair Bolsonaro, che fa sempre più affidamento sul loro sostegno e ha una storia di osservazioni razziste sugli indigeni, definendo “preistorici” coloro che vivono nelle riserve protette.

New Tribes ha avuto una storia controversa per decenni in Brasile . “Sono credenti fondamentalisti“, ha dichiarato Daniel Everett, un linguista americano ed ex missionario nell’Amazzonia brasiliana che conosce bene il gruppo. “Le loro opinioni sono estremamente del 19° secolo“.