pino

Uno studio condotto a Pueblo Bonito, nello stato nordamericano del New Mexico, ha concluso che il suo famoso pino non è nativo della zona, ma è stato portato dall’esterno. Pueblo Bonito, situato nel Chaco Canyon National Historical Park (Chaco Canyon), nello stato nordamericano del New Mexico, è considerato il centro culturale degli indiani Pueblo. Secondo uno scavo condotto nel 1924, questo sito fu fondato oltre mille anni fa e abbandonato intorno al 1126.

Quando l’abbandonarono, i siti lasciarono una grande eredità di edifici e manufatti come ceramiche, strumenti musicali e strumenti per rituali. Tra questi spiccava anche il tronco di un pino solitario – Pinus ponderosa – lungo sei metri.

Le vivide descrizioni intorno al pino crearono, quindi, l’idea che sarebbe stata una specie di “albero della vita” o “albero del mondo”, simbolo della “nascita” e della “vita” di questo popolo. Ma ora, nuove ricerche suggeriscono che questo potrebbe non essere ciò che si pensava.

 

La ricerca

Il team di archeologi dell’Università dell’Arizona, guidato dallo specialista degli anelli degli alberi Christopher Guiterman, ha esaminato il complesso abitativo e ha concluso che il pino non è nativo. “Il pino non è cresciuto a Pueblo Bonito, nemmeno nelle vicinanze del Chaco Canyon“, hanno scritto gli autori dello studio pubblicato, lo scorso 13 marzo, sulla rivista scientifica American Antiquity.

I ricercatori hanno concluso che il maestoso pino ha vissuto circa 250 anni (fino agli inizi del 1100) nei Monti Chuska, a circa 50 chilometri da quello che oggi è il Parco storico nazionale della cultura del Chaco.

Ad un certo punto – è difficile sapere con certezza quando – l’albero è morto per cause naturali o per essere stato abbattuto. Fu quindi trasportato a Pueblo Bonito, dove gli scienziati affermano che potrebbe essere stato utilizzato per legna da ardere, usato come panca o eretto come un palo. “Se è un indicatore di qualcosa, l’albero di Pueblo Bonito riflette la fluorescenza o il declino finale di questo insediamento, e non il suo inizio“, concludono gli archeologi.