diamond-covid-19

Per molti giorni, la nave da crociera Diamond Princess ha attirato la nostra attenzione. Ormeggiata in Giappone, questa nave ospitava più di 700 passeggeri e membri dell’equipaggio infettati dal nuovo coronavirus. Questa nave, però, continua ad attirare l’attenzione degli scienziati, cui si deve la pubblicazione di alcuni lavori sul coronavirus all’interno della nave e del modo in cui si diffonde. In questo “laboratorio galleggiante”, come lo chiamano, i ricercatori sperano di utilizzare queste informazioni per saperne di più sul virus.

Più di 20 navi da crociera hanno confermato casi di passeggeri o di equipaggio con Covid-19. La Diamond Princess è diventata una delle più popolari. La nave è stata messa in quarantena all’inizio di febbraio, dopo che il test di un passeggero sbarcato a Hong Kong era risultato positivo. A bordo c’erano oltre 3.700 passeggeri e membri dell’equipaggio.

Nel corso del mese, è stato confermato che più di 700 passeggeri e membri dell’equipaggio erano stati infettati attraverso test effettuati dalle autorità giapponesi e sono stati segnalati sette decessi relativi a questo focolaio,come riporta la rivista Nature. Questa nave ormeggiata in Giappone è stata quindi il centro della trasmissione fuori dalla Cina, l’epicentro dell’epidemia.

Ora, la nave è diventata un caso di studio per gli scienziati. In un articolo su Nature, gli esperti spiegano che “i focolai si diffondono più facilmente sulle navi [da crociera] perché sono confinati gli spazi e con alte percentuali di anziani, che tendono essere più vulnerabili alla malattia”. Inoltre, alcuni test hanno confermano che il virus si disperde nel tempo.

 

La ricerca

Cominciamo con gli studi pubblicati sull’efficacia della quarantena sulla nave. Due epidemiologi del Giappone e degli Stati Uniti hanno analizzato l’efficacia delle misure di contenimento nella trasmissione del virus. Hanno concluso, in un articolo pubblicato sulla rivista Infectious Disease Modeling, che il giorno in cui è iniziata la quarantena, una persona avrebbe potuto infettare più di altre sette persone. “Il tasso di infezione era probabilmente ancora più elevato perché le persone vivevano nelle cabine vicine e toccavano le superfici contaminate dal virus“, ha detto Gerardo Chowell, ricercatore della Georgia State University negli Stati Uniti e uno degli autori dello studio.

Ma, dopo che le persone sono state costrette nelle loro cabine, il numero medio di persone che ogni individuo poteva infettare era inferiore a uno. “Ciò dimostra che la quarantena previene molte infezioni“, afferma. Anche così, ha insistito sul fatto che le condizioni non erano “perfette”, dal momento che i passeggeri potevano infettare i loro compagni di stanza e l’equipaggio.

 

“Un intero paese non è una nave”

Nel documento, è esemplificato che otto membri della nave su 20 erano positivi alla malattia condividendo le loro cabine con altri membri dell’equipaggio. È stato confermato che anche cinque compagni di questi otto membri dell’equipaggio sono stati infettati, il che dimostra quanto sia contagiosa la SARS-Cov-2.

I dati raccolti dalla Diamond Princess consentono anche di studiare i casi di persone infette senza sintomi della malattia. Da un lato, un rapporto pubblicato sulla rivista medica Eurosurveillance il 20 febbraio afferma che il 18% delle persone infette sulla nave non presentava sintomi. “È un numero sostanziale“, ha detto Gerardo Chowell, che ha anche partecipato a questo studio.

D’altra parte, in uno studio pubblicato sulla rivista Radiology: Cardiothoracic Imaging, sono state prese in considerazione scansioni tomografiche calcolate di 112 persone con Covid-19. Si è visto che il 73% di 112 pazienti (ovvero 82) non presentava sintomi evidenti della malattia, ma quella metà presentava alcuni cambiamenti nei polmoni, che indicavano un certo livello di polmonite. “I casi sintomatici hanno mostrato opacità polmonari e anomalie nella tomografia computerizzata più frequentemente rispetto ai casi asintomatici“, sottolinea l’articolo.

Questo tipo di informazioni può quindi contribuire al processo decisionale pandemico. “Le navi da crociera sono un’esperienza ideale per una popolazione isolata. Noi sappiamo esattamente chi c’è e chi è a rischio, e tutti possono essere analizzati“, ha dichiarato John Ioannidis, epidemiologo presso la Stanford University negli Stati Uniti. Lo scienziato suggerisce inoltre che la storia medica delle persone a bordo, ad esempio se sono fumatori o hanno una malattia cronica, dovrebbe essere aggiunta ai dati raccolti durante l’epidemia in modo da poter ottenere più risultati.

Anche se le informazioni raccolte sulla Diamond Princess sono “preziose”, John Ioannidis avverte che è difficile stabilire misure per un Paese basate su quelle applicate a una nave: “Un intero paese non è una nave“.