A causa della pandemia di coronavirus e del conseguente isolamento per cercare di arginarla, moltissime persone in tutto il mondo si trovano rinchiuse in casa ormai da molto tempo. Per cercare di portare un po’ di sollievo alla noia e allo stress della quarantena, moltissimi enti si sono adoperati per fornire strumenti di didattica e di intrattenimento per la popolazione. Tra questi vi è anche l’Agenzia Spaziale Europea (ESA), che ha reso accessibili a tutti moltissimi contenuti adatti a grandi e piccoli, per poter studiare lo spazio da casa.

 

Osservare lo spazio da casa con la mappa interattiva ESASky

Ad esempio ESASky è un’applicazione per tablet, computer e smartphone, con cui si potrà osservare e scoprire tutto il firmamento. Con essa saremo in grado di osservare gli oggetti cosmici vicini e lontani, così come le vedono i ricercatori di molte missioni spaziali, gestite dall’ESA e da altre agenzie spaziali.

Con ESASky utilizzando la modalità Explorer ed il pulsante che raffigura un dado, si potranno osservare degli oggetti casuali. Inserendo invece il nome di un oggetto celeste, potremo visualizzarlo e cambiare la modalità di osservazione nelle diverse lunghezze d’onda. Nella modalità Science invece sarà possibile scaricare i dati delle varie ricerche e molto altro ancora.

 

Partecipare alla ricerca astronomica restando davanti al PC

Inoltre sarà possibile per tutti i cittadini partecipare attivamente alle ricerche degli scienziati, pur rimanendo a casa. Ci sono molti progetti di scienza disponibili online per i cittadini, in particolare su The Zooniverse, la piattaforma più grande e popolare al mondo per la ricerca basata sulle persone.

Uno dei progetti più famosi è Galaxy Zoo, che dal 2007 invitare volontari di tutto il mondo a supportare gli astronomi nell’ispezione visiva e nella classificazione delle forme delle galassie nelle immagini astronomiche.

Un altro progetto dell’ESA, in collaborazione con altri istituti, è l’Hubble Asteroid Hunter. Basandosi su una serie di immagini d’archivio del Telescopio Spaziale Hubble i volontari possono aiutare gli scienziati a migliorare la determinazione dell’orbita degli asteroidi e a caratterizzare meglio questi oggetti.

 

Lo spazio da casa con Star Mapper e Stellar Family Portrait

Oppure potremo osservare le stelle e lo spazio rimanendo a casa, grazie a Star Mapper dell’ESA, la mappa interattiva basata sulle osservazioni di Hipparcos, la missione di osservazione dell’ESA che ha misurato lo spazio dal 1989 al 1993. Ottenne misurazioni precise di posizioni, movimenti e distanze di oltre 100.000 stelle.

Ora il successore di Hipparcos e GAIA, la missione ESA lanciata nel 2013 e che ha tracciato più di un miliardo di stelle con una precisione senza precedenti. Dati di cui possiamo usufruire grazie ad un’altra mappa interattiva, Stellar Family Portrait di GAIA.

 

ESA Kids, il sito web dedicato ai bambini

Riguardo invece ai più piccoli, molte sono le attività a loro dedicate dal sito web appena lanciato ESA Kids. Gestito dall’ufficio Istruzione dell’ESA, contiene molti materiali e attività per intrattenere i bambini mentre le scuole sono chiuse e nel frattempo conoscere la scienza e lo spazio rimanendo a casa.

Tra le tante attività c’è anche competizione mensile di disegno. Per chi ha a disposizione una stampante, c’è anche la possibilità di costruire modelli di carta dei rover e degli strumenti delle varie missioni dell’ESA. Inoltre saranno disponibili anche tantissimi video didattici che racconteranno ai più piccoli, in modo divertente, le missioni spaziali e le scoperte astronomiche.

Immagini: Agenzia Spaziale Europea – ESA