Zoom

Durante un video in diretta in cui si stava svolgendo una cerimoniain virtuale” in un a sinagoga, un vile attacco hacker ha iniziato a diffondere frasi inneggianti all’odio e insulti a sfondo razziale nei confronti dei congregati, di fede ebraica. La celebrazione si stava svolgendo online tramite l’app di chat video Zoom, che ha si è diffusa a macchia d’olio tra gli utenti a causa delle misure di distanziamento sociale imposte dai governi nazionali per contrastare l’avanzata del nuovo coronavirus.

 

Zoom si è diffusa notevolmente dopo l’imposizione delle misure di distanziamento sociale rese necessarie dalla pandemia di coronavirus

Lo “Zoombombing“, questo il nome dato al fenomeno che prevede l’intrusione di ospiti non invitati alle riunioni, è in aumento man mano che sempre più persone usano l’app per rimanere in contatto. Gli esperti hanno consigliato in proposito di prendere tutte le precauzioni possibili per impedire a terzi indesiderati di introdursi nelle loro videoconferenze. Un uomo, che ha partecipato alla riunione in una sinagoga di Londra, ha spiegato cosa è successo: “C’erano circa 205 utenti connessi, tra cui molte famiglie con bambini piccoli, quando improvvisamente i partecipanti sono saliti a 243“.

Zoom

La chat di gruppo, che appare sul lato destro dello schermo, si è rapidamente riempita di frasi ingiuriose, che hanno subito portato ad una rapida escalation di violenza verbale, ha dichiarato l’uomo. Sembrava esserci solo un ospite effettivo non invitato nella videoconferenza, cosa che suggerisce che il resto degli account collegati potrebbe essere stato generato da una sola persona. “Il rabbino non si è reso conto di quello che stava succedendo fino a quando uno dei congregati non l’ha avvertito con un sms. A quel punto molte persone avevano disconnesso i loro figli dalla chat“, si legge nelle dichiarazioni dei testimoni.

 

In un periodo già molto difficile, si tratta di un attacco davvero indegno

Le comunità che pubblicizzano incontri come questo si stanno esponendo a tutti i tipi di rischi“, ha dichiarato l’uomo intervistato. Il rabbino della sinagoga ha descritto l’incidente come una “violazione intrusiva” e ha affermato che era stato segnalato agli organi competenti per la sicurezza della comunità e alla polizia. “Uno degli ideali fondanti della nostra comunità è che dovremmo accogliere coloro che desiderano unirsi a noi per la preghiera“, si legge in una dichiarazione.”È sconvolgente che in un periodo così difficile ci troviamo ad affrontare sfide come queste“.

In risposta all’incidente, Zoom ha dichiarato: “Prendiamo sul serio la sicurezza delle attività su Zoom e siamo profondamente turbati nel sentire degli incidenti che coinvolgono questo tipo di attacco“. Il consiglio dell’azienda sarebbe di regolare le impostazioni in modo che solo l’host possa condividere il proprio schermo; inoltre, è suggerito l’uso di una password per impedire agli ospiti non invitati di accedere ad una chat. La società ha in ogni caso affermato che altri incidenti simili dovrebbero essere segnalati direttamente ad essa.