coronavirus vaccino

Gli scienziati della School of Medicine dell’Università di Pittsburgh hanno sviluppato un potenziale vaccino contro la SARS-CoV-2, il nuovo coronavirus che causa la pandemia di COVID-19. Il vaccino, già testato sui topi, viene somministrato attraverso un cerotto delle dimensioni di un dito, producendo anticorpi specifici per la SARS-CoV-2 in quantità ritenute sufficienti per neutralizzare il virus. L’articolo è apparso oggi su EBioMedicine, pubblicato da The Lancet.

“Abbiamo avuto precedenti esperienze su SARS-CoV nel 2003 e MERS-CoV nel 2014. Questi due virus, che sono strettamente correlati a SARS-CoV-2, ci insegnano che una particolare proteina, chiamata proteina spike, è importante per indurre l’immunità contro il virus. Sapevamo esattamente come combattere questo nuovo virus”, ha affermato Andrea Gambotto, professore di chirurgia presso la Pitt School of Medicine. “Ecco perché è importante finanziare la ricerca sui vaccini. Non sai mai da dove arriverà la prossima pandemia.”

“La nostra capacità di sviluppare rapidamente questo vaccino è il risultato di scienziati con esperienza in diverse aree di ricerca che collaborano con un obiettivo comune”, ha affermato Louis Falo, professore e cattedra di dermatologia presso la Pitt School of Medicine e UPMC.

Il vaccino descritto in questo documento – chiamato PittCoVacc, abbreviazione di Pittsburgh Coronavirus Vaccine – segue un approccio più consolidato, usando pezzi di proteine ​​virali per costruire l’immunità.

coronavirus vaccino

Come funziona l’innovativo vaccino?

I ricercatori hanno utilizzato un nuovo approccio per l’assunzione del farmaco. Un insieme di microaghi posti su un cerotto piccolissimo trasportano i frammenti di proteine attraverso la pelle. Gli aghi – che sono fatti interamente di zucchero e pezzi di proteine ​​- si dissolvono semplicemente nella pelle.

“Abbiamo sviluppato questo metodo poichè più efficiente e riproducibile da paziente a paziente”, ha detto Falo. “Ed è in realtà abbastanza indolore – sembra un po’ come il velcro.”

La produzione in serie della matrice di microaghi implica la centrifugazione della miscela di proteine ​​e zuccheri in uno stampo. Una volta prodotto, il vaccino può rimanere a temperatura ambiente fino a quando non è necessario, eliminando la necessità di refrigerazione durante il trasporto o lo stoccaggio.

Quando testato su topi, PittCoVacc ha generato un’ondata di anticorpi contro SARS-CoV-2 entro due settimane dalla puntura dei microaghi. I ricercatori sottolineano che i topi che hanno ricevuto il vaccino MERS-CoV hanno prodotto un livello sufficiente di anticorpi per neutralizzare il virus per almeno un anno.

coronavirus vaccino

Il vaccino PittCoVacc è ancora in fase di sperimentazione clinica

Gli autori stanno attualmente richiedendo l’approvazione di un nuovo farmaco sperimentale da parte della Food and Drug Administration statunitense in previsione dell’inizio di una sperimentazione clinica di fase I nei prossimi mesi.

“Il test nei pazienti richiederebbe in genere almeno un anno e probabilmente anche di più”, ha detto Falo. “Questa particolare situazione è diversa da qualsiasi cosa abbiamo mai visto, quindi non sappiamo quanto tempo richiederà il processo di sviluppo clinico. Le revisioni recentemente annunciate ai normali processi suggeriscono che potremmo essere in grado di avanzare più rapidamente.”

Se questa fase di sperimentazione andrà a buon fin il vaccino PittCoVacc potrebbe essere pronto entro cinque mesi da ora.