coronavirus smartphone

La pandemia di coronavirus sta influenzando pesantemente diversi aspetti del mercato, e un settore particolarmente a rischio sembra essere quello degli smartphone

Secondo Mazen Kourouche, che sviluppa software per il sistema operativo di iPhone (iOS), molte persone solitamente viaggiano dall’estero per mettere le mani sui nuovi iPhone in Australia. Per via del fuso orario della nazione i suoi negozi Apple sono i primi ad aprire in tutto il mondo il giorno del lancio.

Quest’anno potrebbe essere diverso però. Come la maggior parte degli altri rivenditori, Apple ha chiuso i suoi negozi in tutto il mondo a causa dell’epidemia di coronavirus. È ancora troppo presto per dire se i negozi saranno di nuovo aperti in tempo per il lancio di nuovi dispositivi in ​​autunno. Ma in alcuni paesi il quadro non è incoraggiante. Nel Regno Unito, il governo ha affermato che potrebbero essere necessari da tre a sei mesi prima che la vita normale riprenda, inclusa la riapertura di negozi non essenziali.

Nel caso di Apple, il suo iPhone 12 è in attesa dietro le quinte. È un telefono particolarmente importante, in quanto è il primo a incorporare la tecnologia 5G, consentendogli di connettersi con la nuova generazione di reti telefoniche più veloci.

Fonti hanno riferito alla testata nipponica Nikkei che Apple sta valutando se ritardare il lancio. Lo stesso vale per i dispositivi di Samsung e altri concorrenti che utilizzano il sistema operativo Android.

coronavirus smartphone

La pandemia colpisce duramente la produzione dei prossimi smartphone

“Circa il 70% degli smartphone è fabbricato in Cina – così come la pandemia ha colpito la Cina, ci sono state interruzioni significative nella fornitura di dispositivi”, afferma Razat Gaurav, amministratore delegato della società di analisi Llamasoft.

Molti produttori di smartphone si affidano a componenti realizzati in Cina e in Corea del Sud, due nazioni che sono state le più colpite dallo scoppio. La città sudcoreana di Daegu, dove sono raggruppati la maggior parte dei casi di coronavirus del paese, dista solo 20 minuti dalla zona in cui vengono prodotti molti di questi componenti.

E non è solo l’offerta, anche la domanda è diminuita drasticamente. Le spedizioni di smartphone in Cina sono crollate del 40% nel primo trimestre del 2020, rispetto allo stesso periodo dell’anno scorso, secondo la società di ricerca IDC. La società suggerisce che i consumatori cinesi compreranno 33 milioni di telefoni in meno nei primi tre mesi dell’anno.

“Probabilmente vedremo cali significativi anche in Europa occidentale e negli Stati Uniti”, aggiunge Gaurav.

Il COVID-19 bracca i lavoratori del settore

La pandemia non sta rallentando solo la fabbricazione dei componenti, ma anche la lavorazione e la logistica.

“Gran parte del lavoro di progettazione non richiede un significativo contatto sociale, il che significa che non è necessario essere fisicamente vicini alle persone”, afferma Frank Gillett, analista presso la società di ricerca Forrester. Tuttavia potrebbero esserci lavori di ricerca e sviluppo che richiedono attrezzature specializzate che i dipendenti non possono portare a casa.

Secondo Emile Naus, partner della società di consulenza BearingPoint, la parte più importante del telefono non è l’hardware, ma il software e questo può essere sviluppato da remoto. Tuttavia, testare il dispositivo potrebbe essere più difficile da eseguire.

L’altro problema riguarda la spedizione; con molte compagnie aeree che sospendono i voli e ritardi con il trasporto marittimo, con la possibilità che materiali e componenti non arrivino agli impianti di assemblaggio e che il prodotto finito non arrivi ai punti vendita.

Gli effetti di questo e degli arresti delle fabbriche in Cina stanno solo ora iniziando a incresparsi nel settore degli smartphone e l’impatto potrebbe essere più grande del previsto.

A secondo di ciò che accadrà nei prossimi mesi i futuri smartphone potrebbero anche essere trattenuti fino al 2021. Se i negozi rimarranno chiusi, questo potrebbe essere un problema particolare per Apple, che ha un’importante rete di vendita al dettaglio.

coronavirus smartphone

Le difficoltà economiche indotte dalla pandemia potrebbero portare a nuove strategie di marketing

Anche la domanda di nuovi dispositivi potrebbe vacillare, poiché spendere ingenti somme di denaro sull’ultimo modello potrebbe non essere un’opzione per le famiglie che attraversano difficoltà finanziarie.

Ma i marchi non sembrano apportare grandi cambiamenti al prezzo dei loro nuovi telefoni. Forrester pensa che le aziende potrebbero ridurre invece i prezzi sui modelli più vecchi e forse rafforzare il numero di modelli a prezzi entry-level disponibili.

I costi potrebbero non scendere – ma se la domanda non è presente, forse potrebbero essere messe in atto nuove strategie di marketing. “Forse potrebbe esserci una promozione temporanea per aiutare le persone in difficoltà., afferma Gillett.

Siamo sicuri che i più grandi fan di Apple rimarranno fedeli. In questo difficile momento le priorità negli acquisti virano su altri prodotti, ma l’interesse verso i nuovi iPhone non calerà così facilmente.