cura-coronavirus

Una ricerca condotta da scienziati australiani ha scoperto che la ivermectina, una sostanza usata nella medicina veterinaria e contro i vermi e i pidocchi nell’uomo, può aiutare a trattare Covid-19 impedendo la riproduzione del virus nelle cellule.

Questa ricerca pubblicata sulla rivista scientifica Antiviral Research sottolinea che la ivermectina, che esiste già in tutto il mondo, “può uccidere il virus in 48 ore“, secondo la dichiarazione rilasciata dal Monash Biomedical Discovery Institute, in Australia. “Una singola dose” della sostanza può impedire al virus di “crescere nella coltura cellulare“, affermano i ricercatori dopo aver sperimentato colture cellulari in laboratorio.

 

Di cosa si tratta

L’ivermectina è il principio attivo di numerosi farmaci che sono stati usati come decodificazione per decenni. È stato usato nel trattamento di condizioni associate a vermi e parassiti, vale a dire nematodi, pidocchi e scabbia nell’uomo. Ma è anche usata in medicina veterinaria per trattare la scabbia e i vermi gastrointestinali.

Le medicine basate sulla sostanza generalmente agiscono sui nervi e sulle cellule dei parassiti. Nelle ricerche condotte negli ultimi anni, si è anche dimostrata efficace contro virus come HIV, Dengue, influenza e Zika.

Ora può essere un alleato contro il coronavirus, ma le conclusioni finali dipendono dai “test negli studi preclinici e clinici“, come avvertono i ricercatori australiani, sottolineando che hanno bisogno di “finanziamenti urgenti” per continuare le indagini.

Per ora, i risultati indicano che “anche una singola dose può essenzialmente rimuovere tutto l’RNA virale in 48 ore e che, anche in 24 ore, si è verificata una riduzione significativa“, ha sottolineato la ricercatrice Kylie Wagstaff che ha partecipato alla ricerca.

L’ivermectina è ampiamente utilizzata e considerata una medicina sicura“, sottolinea Wagstaff, ricordando tuttavia che “dobbiamo capire, ora, se la dose che può essere utilizzata nell’uomo sarà efficace“.

Il prossimo passo sarà quello di “determinare il corretto dosaggio umano” al fine di garantire che le misure utilizzate e che si sono dimostrate efficaci in laboratorio, nelle colture cellulari, “siano sicure per l’uomo“, spiega il ricercatore.

Questa è una possibilità che porta nuove speranze e può rivelarsi una soluzione “più rapida” per “aiutare le personecontro la pandemia. “Realisticamente, ci vorrà del tempo prima che un vaccino sia ampiamente disponibile” , afferma Kylie Wagstaff.

La ricerca è nata da una partnership tra due istituti che svolgono ricerche nei settori della biomedicina e dell’immunità, l’Università di Melbourne e il Royal Melbourne Hospital, cui hanno partecipato il medico Leon Caly, che faceva parte del primo gruppo di ricercatori al di fuori della Cina che ha gestito isolare SARS-COV2.

Nonostante i promettenti risultati dello studio, è importante tenere presente che l’uso dell’ivermectina ha effetti collaterali associati e non deve essere usata senza prescrizione medica.