robot-lavapavimenti

Quando gli umani interagiscono con macchine come i robot, spesso sembrano sviluppare una connessione emotiva. Perché? Siamo creature molto sociali e tendiamo a trattare inconsciamente i robot come se fossero vivi, anche se sappiamo che sono solo macchine. Parte di ciò deriva dalla nostra tendenza all’antropomorfismo, ovvero a proiettare tratti, motivazioni e comportamenti umani su non umani, come i nostri animali domestici. Lo facciamo per dare un senso al mondo che ci circonda.

La risposta non è ovvia. Molte persone considerano già i robot più sensibili degli stessi. Nel tempio di Kofukuji vicino a Tokyo, ad esempio, i sacerdoti buddisti conducono servizi per i cani robot Aibo “morti”. In Giappone, gli oggetti inanimati sono considerati avere uno spirito o un’anima, quindi ha senso che Aibo sia commemorato in questo modo.

Tuttavia, tali sentimenti non si limitano al solo Giappone. Julie Carpenter, un robotico di San Francisco, ha scritto di soldati addetti allo smaltimento delle bombe che sviluppano un forte attaccamento ai loro robot, chiamandoli per nome e, persino, dormendo rannicchiati accanto a loro. “So che i soldati hanno scritto ai produttori di robot militari chiedendo di riparare e restituire lo stesso robot perché fa parte della loro squadra“, afferma.

 

E poi ci sono i robot lavapavimenti!

Alcuni semplici robot si stanno facendo strada nel mercato di massa come ausilio alla vita di tutti i giorni, anche se in pratica potrebbero non essere altro che un giocattolo costoso. Questo è il caso degli aspirapolvere o dei robot lavapavimenti: per il momento, i più autonomi ed efficaci sono assurdamente costosi per il compito che svolgono, i più economici dipendono talmente dalla supervisione che è preferibile che si facciano le pulizie da soli. E sono diverse le piattaforme grazie alle quali è possibile accedere ai diversi modelli e a tutte le fasce di prezzo.

Naturalmente, i robot con un aspetto umanoide o zoomorfo sono quelli che attirano maggiormente l’attenzione della gente, ma quelli che stanno operando la grande rivoluzione e che rappresentano la minaccia all’occupazione sono i robot industriali, che non hanno nulla da “dimostrare” ma sono efficaci nello svolgimento dei loro compiti. La crescita è stata vertiginosa ed è stata più espressiva nel settore automobilistico ed elettronico.

I miglioramenti nell’intelligenza artificiale hanno portato a progressi nello sviluppo di robot in grado di comprendere pensieri e sentimenti umani. Ciò può portare umani e robot ad avere legami molto più profondi di quelli tra le persone. Il giorno in cui i funerali dei robot non suoneranno così stravaganti potrebbe non essere troppo lontano in futuro.