covid-19-congiuntivite

Alla fine di marzo, un’infermiera americana aveva già lanciato l’avvertimento: “È qualcosa che ho notato in tutti i miei pazienti. Hanno qualcosa come un’allergia agli occhi. La parte bianca dell’occhio non è esattamente rossa. È come se invece ci fosse un’ombra rossa fuori dagli occhi“. Ora, l’American Ophthalmology Association è arrivata a sostenere che la congiuntivite può essere un altro sintomo del nuovo coronavirus.

L’allerta è arrivata questo sabato 4 aprile, dopo un’analisi di numerosi studi sui sintomi presentati da pazienti infetti da Covid-19.

Uno degli studi è stato pubblicato il 26 febbraio su Journal of Virology e ha coinvolto 30 pazienti in Cina. Secondo il team di medici che li ha esaminati, un paziente ha sviluppato congiuntivite e nei restanti 29 è stato possibile identificare Sars-CoV-2 in lacrime.

 

La ricerca

In un’indagine più ampia, che è stata rilasciata il 28 febbraio nel New England Journal of Medicine, i ricercatori hanno rilevato questo sintomo in nove su 1.099 pazienti ricoverati in ospedale con la malattia.

Un terzo studio menzionato, datato 31 marzo e pubblicato su JAMA Ophthalmology, avanza che 12 dei 38 casi ricoverati in ospedale, con conferma di infezione da Covid-19, nella provincia di Hubei, in Cina, dove iniziò l’epidemia, hanno presentato cambiamenti oculari.

I dati esistenti suggeriscono che la congiuntivite sia un sintomo insolito per quanto riguarda Covid-19. Tuttavia, poiché la congiuntivite è una condizione comune in generale e i pazienti con congiuntivite tendono ad andare in cliniche oculistiche o dipartimenti di emergenza, gli oftalmologi possono essere i primi a valutare i pazienti eventualmente infettati da Covid-19”, sottolinea l’analisi dell’American Ophthalmology Association.

Alla comunità medica viene chiesto di prestare attenzione alle infezioni negli occhi dei pazienti, come arrossamento o gonfiore. L’associazione avverte anche del fatto che gli oftalmologi devono disinfettare l’intero ufficio ogni volta che si sospetta un caso di Covid-19. “Pertanto, si raccomanda di proteggere la bocca, il naso (ad esempio una maschera N-95) e gli occhi (ad esempio occhiali o scudo) quando si prendono cura di pazienti potenzialmente infetti da Covid-19“, affermano i ricercatori.