paura-coronavirus

La manifestazione di sintomi fisici causati da un problema psicologico, la somatizzazione, non è rara. Un esempio è quello della gravidanza psicologica. E in questo periodo di pandemia del nuovo coronavirus (Covid-19) con molte informazioni e la paura del contagio, molte persone sviluppano sintomi senza essere infettati dalla malattia.

In un’intervista a BBC News, lo psicologo e responsabile degli studi universitari presso la Facoltà di Scienze umane e sociali dell’Università di La Salle a Città del Messico, Emiliano Villavicencio ha dichiarato: “Dal coronavirus, possiamo sentire febbre, mal di testa e senza avere la malattia. Tutto è possibile”.

 

La somatizzazione da Covid-19

La somatizzazione è riconosciuta nel Manuale diagnostico e statistico dei disturbi mentali pubblicato dall’American Psychiatric Association degli Stati Uniti. E l’attuale situazione pandemica legata alla paura dell’emergenza sanitaria causata dal nuovo coronavirus può causare i sintomi della malattia in alcuni pazienti.

Sintomi reali che finiscono per confondere alcune persone, che credono di avere la malattia, per uno stato di ansia e preoccupazione. “Nella somatizzazione, se il paziente crede che gli faccia male la testa, è perché fa davvero male, tranne per il fatto che la spiegazione di questo dolore è psicologica“, ha spiegato Villavicencio.

I sintomi più comuni di Covid-19, secondo l’OMS, sono febbre, tosse secca, malessere e difficoltà respiratorie. In alcuni casi sono stati segnalati secrezioni nasali, problemi gastrici, perdita dell’olfatto.

 

La cura

L’esperto ha affermato che, di fronte all’emergenza sanitaria, i pazienti con sintomi psicosomatici stanno aumentando. Persone sane con sintomi di coronavirus, il che è normale, ma in questi casi si cerca di curare la paura invece di prescrivere farmaci. Secondo lui, lo specialista deve escludere qualsiasi causa fisica per i sintomi e quindi cercare una ragione psicologica. Si scopre spesso, ad esempio, che si è una persona ipocondriaca.

La differenza tra una persona ipocondriaca e un paziente che mostra segni psicosomatici è dovuta all’influenza di un fattore ambientale. L’ipocondriaco non ha bisogno di questo elemento esterno – in questo caso, l’emergenza sanitaria – per sviluppare l’ansia e sentire i sintomi di una malattia”, spiega lo specialista.

Inoltre, la sovraesposizione alle notizie sul coronavirus è uno dei motivi principali per la comparsa di sintomi psicosomatici. Per questo motivo, è importante ricordare che non è sufficiente prendersi cura solo della salute fisica, è anche necessario prendersi cura della salute mentale.

Analizzare le notizie e non solo “ingoiarle”, sapere bene cosa significa avere il coronavirus, “la cui mortalità complessiva non è così elevata” e consultare “fonti di informazione affidabili e non solo una pubblicazione su Facebook“.

Una persona sovraesposta può facilmente costruire fantasie catastrofiche, distorcere la realtà e produrre uno stato psicosomatico. Sulla base di idee e fantasie, l’assistenza medica nei paesi può essere compromessa”, conclude lo specialista.