archeologi uova

Molto prima di Fabergé, le uova di struzzo decorate erano molto apprezzate dall’élite delle civiltà mediterranee durante l’età del bronzo e del ferro, ma fino ad oggi si sapeva poco sulla complessa catena di approvvigionamento dietro questi beni di lusso.

Esaminando le uova di struzzo della collezione del British Museum, il team, guidato dal dott. Tamar Hodos di Bristol, ha svelato i segreti sulle loro origini. Usando una scansione all’avanguardia, la dott.ssa Caroline Cartwright, scienziata senior del British Museum è stata in grado di indagare sulla composizione chimica delle uova.

Nello studio, pubblicato oggi sulla rivista Antiquity, i ricercatori descrivono per la prima volta il sistema sorprendentemente complesso alla base della produzione di uova di struzzo. Questo comprende prove su dove e come sono state ottenute le uova.

“L’intero sistema di produzione di uova di struzzo decorate era molto più complicato di quanto avessimo immaginato! Abbiamo anche trovato prove che suggeriscono che il mondo antico era molto più interconnesso di quanto si pensasse in precedenza”, ha affermato il dott. Hodos, lettore di archeologia mediterranea presso la School of Arts di Bristol.

“Gli struzzi mediterranei erano originari del Mediterraneo orientale e del Nord Africa. Utilizzando una varietà di indicatori isotopici, siamo stati in grado di distinguere le uova deposte in diverse zone climatiche.”

archeologi uova

La caccia all’uovo al centro delle ricerche archeologiche

Il dott. Hodos e i suoi colleghi ritengono che le uova siano state prese dai nidi degli uccelli selvatici; gli struzzi possono essere estremamente pericolosi, quindi c’era un enorme rischio nel prendere le uova dagli uccelli selvatici.

“Abbiamo anche scoperto che le uova richiedono tempo per asciugarsi prima che il guscio possa essere scolpito e quindi richiedono uno stoccaggio sicuro. Ciò ha implicazioni economiche, poiché lo stoccaggio richiede un investimento a lungo termine e questo, combinato con il rischio, aumenterebbe il valore di lusso di un uovo“, ha affermato il dott. Hodos.

Lo studio fa parte di un progetto di ricerca in corso su beni di lusso antichi. Il dott. Hodos ha spiegato: “Stiamo valutando non solo il modo in cui venivano prodotti i lussi antichi, ma anche il modo in cui venivano usati da popoli diversi. Queste domande sono incredibilmente importanti per la nostra società di oggi, in cui lo stesso oggetto può avere significati sociali o simbolici diversi per gruppi diversi. Tale conoscenza e comprensione aiuta a promuovere la tolleranza e il rispetto reciproco in una società multiculturale. Se riusciamo a comprendere questi meccanismi in passato possiamo usare queste conoscenze per informare meglio la nostra società.”

Caroline Cartwright, scienziata senior, Dipartimento di ricerca scientifica, British Museum, ha dichiarato: “Il British Museum è lieto di collaborare con i colleghi delle università di Bristol e Durham a questa ricerca. Utilizzando le strutture di scansione all’avanguardia del British Museum, i nostri esperti sono in grado di studiare questi splendidi oggetti e far luce sul loro significato storico. Non vediamo l’ora di continuare a lavorare con i partner universitari e promuovere la conoscenza e la comprensione della collezione del Museo”.