squali-balena

Gli scienziati stanno determinando l’aspettativa di vita del più grande pesce degli oceani con l’aiuto dei test di bomba atomica effettuati durante la Guerra Fredda tra gli anni ’50 e ’60. In pericolo di estinzione, gli squali balena sono i più grandi pesci che popolano gli oceani e hanno una lunga aspettativa di vita che ha sempre stupito la comunità scientifica.

Tuttavia, misurare l’età che possono raggiungere è stato complicato, poiché a questi animali mancano gli otoliti, strutture ossee normalmente utilizzate per valutare l’età di altri pesci.

Durante gli anni ’50 e ’60, Paesi come gli Stati Uniti, l’Unione Sovietica, il Regno Unito, la Francia e la Cina condussero test sulle armi nucleari. Molte di queste esplosioni sono state eseguite a diversi chilometri di distanza. Un effetto ad esse collegate fu la duplicazione atmosferica temporanea di un isotopo chiamato carbonio-14.

Questo elemento radioattivo viene utilizzato dagli archeologi per datare ossa e manufatti antichi. L’isotopo ha gradualmente attraversato le catene alimentari per tutti gli esseri viventi, producendo un’alta firma carbon-14, che persiste ancora oggi.

 

Specie longeve

Questo ulteriore isotopo si disintegra a velocità costante, il che significa che la quantità contenuta nell’osso formato a una certa altezza sarà leggermente maggiore di quella contenuta nell’osso formato più di recente. “L’uso dei test del radiocarbonio con bombe come validazione dell’età per i pesci longevi è stato sempre più applicato ai pesci e agli squali, e ora lo applichiamo, per la prima volta, alle vertebre degli squali balena“, ha spiegato l’autore del studio, Joyce Ong. “Se conosci l’età e le dimensioni di un pesce, puoi calcolare un tasso di crescita. Questo è un parametro critico, perché indica la resistenza di una specie e la velocità con cui può recuperare se minacce come la pesca eccessiva riducono la dimensione della popolazione”, ha spiegato Mark Meekan, coautore dello studio pubblicato sulla rivista scientifica Frontiers in Marine Science.

“Nel caso degli squali balena, sembra che crescano molto lentamente fino a queste grandi dimensioni. Gli squali non possono maturare fino a quando non hanno 30 anni. Ciò significa che è improbabile che le popolazioni di squali balena si riprendano rapidamente se i numeri sono ridotti”, ha aggiunto.

Uno degli esemplari analizzati ha dimostrato definitivamente di avere 50 anni al momento della sua morte. Questa è stata la prima volta che l’età di uno squalo balena è stata verificata in modo inequivocabile. Precedenti studi hanno suggerito che i più grandi squali balena possano vivere per 100 anni.

Il nostro studio mostra che gli squali adulti possono raggiungere un’età eccezionale e che la lunga durata è probabilmente una caratteristica della specie. Ora abbiamo aggiunto un altro pezzo del puzzle”, ha detto Meekan.