coronavirus-guarire-covid-19

I principali numeri su questo coronavirus riguardano le persone contagiate, quelle che purtroppo sono morte e le persone ricoverate in terapia intensiva. Ovviamente ci sono altri numeri, come quelli che fanno riferimento alle persone guarite completamente dal Covid-19, ovvero la parte più grande. Ma cosa vuol dire esattamente guarire da questa malattia?

 

Coronavirus: cosa succede dentro il nostro corpo?

Il coronavirus all’interno dell’organismo inizia a produrre determinate proteine, degli anticorpi atti a combattere l’infezione causata dal virus stesso. Gli anticorpi entrano in azione e quando succede i sintomi tendono a diminuire. Nel migliore dei casi, quindi nella maggior parte, il pericolo è passato.

Nel momento in cui si viene infettati, la media dei sintomi si presenterà per circa 7 giorni; in sintomi possono presentarsi in forma più grave a secondo dell’individuo. Dopo questo lasso di tempo però, il virus potrebbe essere ancora in giro, all’incirca per altri 3 giorni per questo viene consigliato di rimanere isolati fino a due settimane nel momento in cui si viene contagiati.

Il successivo passo sarebbe l’immunità. Quest’ultimo è garantita dai linfociti, delle cellule che sostanzialmente ricordano il virus e nel caso si ripresentasse, possono attaccarlo in anticipo evitando la comparsa dei sintomi. Al tempo stesso, come nel caso dell’influenza, il virus muta rendendo questa memoria non utile. Per questo motivo è necessario un vaccino.

Il punto in questione è che questo coronavirus non si conosce ancora appieno. Per arrivare dall’animale all’uomo è già mutato diverse volte. Non si sa quante volte può succedere per questo non si può fare affidamento su quella che viene definita immunità di gregge. Per questo motivo la vera emergenza rientrerà soltanto una volta avuto il vaccino.

Altro punto importante sono i test sierologici i quali permetteranno di capire se una persona è stata infettata dal coronavirus senza saperlo. Questo permetterà di creare una mappa reale del contagio, non solo in Italia ovviamente, ma anche nel mondo.