vaccino-covid-19

Il bilancio dei candidati al vaccino, aggiornato questo mercoledì, è stato realizzato sulla base dei dati raccolti dalla Coalition for Innovation in Preparing Against Epidemics. CEPI è stato creato nel 2017 per incoraggiare e accelerare lo sviluppo di vaccini contro le malattie infettive emergenti e renderli accessibili alle persone durante le epidemie.

Alcuni dei possibili vaccini elencati nell’articolo Nature sono finanziati da questa coalizione internazionale, che riunisce organizzazioni pubbliche, private, filantropiche e civili e ha sede a Oslo, in Norvegia.

Dei 115 candidati al vaccino, 37 non sono stati confermati in una situazione attiva a causa della mancanza di informazioni disponibili. Tra i 78 candidati attivi, 73 sono in fase esplorativa o preclinica. I restanti cinque sono in studi clinici, cioè in fase di sperimentazione su persone.

Il primo candidato al vaccino contro Covid-19 ha iniziato i test, con una “velocità senza precedenti“, il 16 marzo, negli Stati Uniti, dopo che la sequenza genetica del coronavirus SARS-CoV-2 è stata pubblicata l’11 gennaio.

CEPI sottolinea che lo “sforzo globale” nella ricerca e nello sviluppo di un vaccino per il trattamento del Covid-19 non ha eguali “in termini di scala e velocità“. Se un vaccino dovesse essere pronto all’inizio del 2021, secondo le previsioni delle autorità sanitarie nordamericane, ciò significa un cambiamento significativo nel modello tradizionale di sviluppo di un vaccino, che può richiedere in media più di 10 anni per essere prodotto. Persino il primo vaccino contro il virus Ebola ha impiegato cinque anni per essere creato.

Secondo il panorama delineato dalla Coalition for Innovation in Epidemic Preparation, la maggior parte dei candidati al vaccino, per i quali sono disponibili informazioni, mira a indurre la formazione di anticorpi (glicoproteine) che neutralizzano la proteina chiave del coronavirus, la cosiddetto proteina spike, che consente a SARS-CoV-2 di entrare nelle cellule umane legandosi a un enzima (sostanza proteica), ACE2.

L’induzione della produzione di anticorpi specifici per SARS-CoV-2 è stata tentata con diversi metodi, come virus vivi attenuati, virus inattivi, virus geneticamente modificati, proteine ​​ricombinanti, adiuvanti immunologici, acidi nucleici (DNA e RNA), molecole simili virus (ma senza materiale genetico virale) e peptidi (complessi di aminoacidi).

 

Alcuni dei metodi sono già autorizzati per la produzione di vaccini

Più della metà delle linee candidate al vaccino attivo (56) sono in fase di sviluppo da parte dell’industria farmaceutica/settore privato e il resto (22) da parte del mondo accademico, delle organizzazioni senza scopo di lucro e del settore pubblico.

Nonostante il coinvolgimento di grandi multinazionali farmaceutiche, come Janssen, Sanofi, Pfizer e GlaxoSmithKine, molti dei principali promotori di vaccini contro Covid-19 sono di dimensioni più ridotte e inesperti nella produzione su larga scala di un vaccino.

In questo contesto, CEPI sostiene “una forte cooperazione e coordinamento internazionale” tra promotori, regolatori, decisori, finanziatori, autorità sanitarie e governi affinché un vaccino promettente possa essere prodotto in “quantità sufficienti” e “fornito equamente a tutte le aree colpita dalla pandemia, in particolare le regioni più povere“.

Secondo i dati raccolti dal CEPI, in particolare attraverso l’Organizzazione mondiale della sanità (OMS) e i laboratori, la maggior parte dei candidati vaccinali attivi sono in fase di sviluppo in Nord America (36), seguiti da Cina, Australia ed Europa (14 per entrambi).

Per garantire l’efficacia del potenziale vaccino, vengono creati modelli animali specificamente per Covid-19, inclusi topi geneticamente modificati che esprimono l’enzima umano ACE2, la porta d’ingresso per SARS-CoV-2 nelle cellule e l’infezione.

________________________________________________________________________

La Coalition for Innovation in Epidemic Preparedness è stata fondata a Davos, in Svizzera, dai governi di Norvegia e India, Bill and Melinda Gates Foundation, l’organizzazione britannica Wellcome Trust e il World Economic Forum.

Oltre alle entità fondatrici, CEPI è finanziato dalla Commissione europea e dai governi di Regno Unito, Germania, Giappone, Canada, Etiopia, Australia, Belgio, Danimarca e Finlandia.