covid-19-estate

La diffusione del nuovo coronavirus Covid-19 non dovrebbe rallentare con l’innalzamento della temperatura, hanno avvertito i membri del Comitato per le malattie infettive emergenti della National Academy of Sciences degli Stati Uniti.

L’avvertimento degli esperti statunitensi è stato inviato alla Casa Bianca in una lettera, contraddicendo le ipotesi secondo cui l’estate potrebbe contribuire a far scomparire i Covid-19. “Esistono prove che suggeriscono che [il nuovo coronavirus] può essere trasmesso in modo meno efficiente in ambienti con temperature e livelli di umidità più elevati. Tuttavia, e tenendo conto della mancanza di immunità delle persone in tutto il mondo, questa riduzione dell’efficienza di trasmissione potrebbe non portare a una riduzione significativa della diffusione della malattia senza che siano adottate contemporaneamente importanti misure di intervento sulla sanità pubblica“, si legge.

 

Perchè

Citando i dati provenienti dalla Cina, dove la pandemia è nata alla fine dello scorso anno, gli esperti affermano che, anche nelle massime condizioni di temperatura e umidità, il virus è riuscito a diffondersi “esponenzialmente” in quel Paese.

Pur riconoscendo che, secondo alcuni studi, la diffusione può diminuire con alte temperature e livelli più elevati di umidità, gli scienziati sottolineano nella stessa lettera inviata alla Casa Bianca che il virus si diffonde rapidamente nei Paesi con climi più caldi. “Non dobbiamo ipotizzare una diminuzione del numero di casi associati all’aumento dell’umidità e della temperatura“, concludono gli scienziati.

A metà marzo, l’Organizzazione mondiale della sanità (OMS) ha lasciato l’avvertimento che è “una falsa speranza” credere che il nuovo ceppo di coronavirus scomparirà in estate, con le temperature in aumento, come di solito accade con il virus dell’influenza. Il direttore esecutivo dell’OMS ha affermato che questo scenario è un mito, poiché il comportamento del virus non è ancora noto.