supernova luminosa

Gli astronomi hanno scoperto “nel bel mezzo del nulla” una massiccia supernova due volte più luminosa di qualsiasi cosa trovata in precedenza nell’universo. Le stelle morenti si trovano ogni notte, mentre questa sembrava essere indipendente, secondo un team dell’Università di Birmingham.

Gli astronomi ritengono che l’esplosione sia stata causata dalla fusione di due stelle giganti in un evento noto come “instabilità della coppia pulsazionale”. Ê la prima volta che tale fenomeno viene avvistato.

Il team ha scoperto che l’esplosione, chiamata SN2016aps, aveva una potenza esplosiva cinque volte superiore a una normale supernova ed era dieci volte più grande. Quando le luci si sono attenuate i ricercatori hanno scoperto che proveniva da una galassia a 4,6 miliardi di anni luce di distanza.

Questo tipo di supernova – causato dalla fusione di stelle massicce – esisteva finora solo come teoria, ma queste osservazioni mostrano che si tratta di un fenomeno reale. L’autore principale dello studio, il dott. Matt Nicholl, dell’Università di Birmingham, ha affermato che le supernove vengono misurate utilizzando due scale: l’energia totale dell’esplosione e la quantità di energia emessa come luce o radiazione osservabili.

“In una tipica supernova, la radiazione è inferiore all’uno per cento dell’energia totale”, ha detto l’autore. “Ma in SN2016aps, abbiamo scoperto che la radiazione era cinque volte l’energia di esplosione di una supernova di dimensioni normali. Questa è la luce più grande che abbiamo mai visto emessa da una supernova.”

supernova luminosa

Quindi come si è innescata l’esplosione della supernova?

Il team ha scoperto che l’esplosione è stata alimentata da una collisione tra la supernova e un enorme guscio di gas, sparso da una stella prima che esplodesse anni prima. L’esplosione è stata così intensa che ha eclissato qualsiasi altra cosa in giro.

Il co-autore dello studio, il dott. Peter Blanchard, della Northwestern University, negli Stati Uniti, ha dichiarato: “Non siamo stati in grado di vedere la galassia dove è nata questa stella fino a quando la luce non è sbiadita”.

Gli astronomi hanno osservato l’esplosione per due anni fino a quando la stella morente è sbiadita all’1% della sua massima luminosità. Usando queste misurazioni, hanno calcolato che la massa della supernova era tra 50 e 100 volte maggiore del nostro sole.

“Le stelle con una massa estremamente grande subiscono violente pulsazioni prima di morire, scrollandosi di dosso un gigantesco guscio di gas”, ha detto Nicholl.

“Questo può essere alimentato da un processo chiamato instabilità di coppia, che è stato un argomento di speculazione per i fisici negli ultimi 50 anni. Se la supernova ottiene i tempi giusti, può raggiungere questo guscio e rilasciare un’enorme quantità di energia nella collisione. Pensiamo che questo sia uno dei candidati più convincenti per questo processo finora osservato, e probabilmente il più massiccio.”

supernova luminosa

Un altro enigma svelato

I ricercatori hanno affermato che SN2016aps conteneva un altro enigma: il fatto che chi fosse dell’idrogeno quando normalmente una stella massiccia lo avrebbe perso molto prima che iniziasse a pulsare in vista di un’esplosione.

“Una spiegazione è che due stelle leggermente meno massicce intorno, diciamo 60 masse solari, si fossero unite prima dell’esplosione”, ha detto Nicholls. “Le stelle di massa inferiore trattengono il loro idrogeno più a lungo, mentre la loro massa combinata è abbastanza alta da innescare l’instabilità della coppia.”

Il professor Edo Berger dell’Università di Harvard ha affermato che la scoperta non sarebbe potuta arrivare in un momento migliore con la presentazione del nuovo osservatorio a orbita infrarossa della NASA.

“Ora che sappiamo che tali esplosioni si verificano in natura, il nuovo James Webb Space Telescope della NASA sarà in grado di avvistare eventi simili”, ha detto.

Tutti i risultati della scoperta sono stati pubblicati sulla rivista Nature Astronomy.