wrestling-servizio-essenziale-coronavirus

Essenziale. Una parola che negli ultimi due mesi abbiamo sentito spesso associata a un gran numero di servizi, di lavori, e di altre cose. A seconda di come la si intende, tutto e niente può essere considerato essenziale. Cambia da regione a regione, figuriamoci da continente a continente. Per esempio, in Florida il wrestling è considerato come business essenziale.

Questa scelta da parte di uno dei 50 governi federali degli Stati Uniti permetterà le riprese indiretta della WWE durante questa pandemia da Covid-19. La motivazione dietro tale scelta ricade sul fatto che tale sport è un pilastro fondamentale dell’economia della Florida e quindi non può fermarsi.

Dipendenti di una produzione professionale di sport e media con un pubblico nazionale – compresi atleti, animatori, team di produzione, team esecutivo, team dei media e qualsiasi altro necessario per facilitare inclusi servizi a supporto di tale produzione – solo se il luogo è chiuso al pubblico“, grazie a queste parole il wrestling può continuare.

 

Il wrestling è essenziale? Apparentemente si

La dichiarazione della società stessa: “Riteniamo che ora sia più importante che mai offrire alle persone un diversivo da questi tempi difficili. Stiamo producendo contenuti su un set chiuso con solo il personale essenziale presente seguendo le linee guida appropriate e prendendo ulteriori precauzioni per garantire la salute e il benessere dei nostri artisti e del nostro personale.”

Una scelta particolare che se verrà supportata da un’attenzione certosina nelle misure preventive allora non potrà che fare bene. Certamente fa specie vedere associato il wrestling a qualcosa di essenziale, ma non c’è niente di male.