reti-5g

Proprio come la diffusione del coronavirus si sta rivelando difficile da contenere, così lo è anche la disinformazione a suo riguardo. Una delle più recenti teorie della cospirazione non comprovata che circondano il virus è che le reti 5G, la prossima generazione di tecnologia wireless che viene costantemente implementata in tutto il mondo, stanno alimentando la pandemia globale di coronavirus. Non è vero.

Affermazioni infondate su un presunto legame tra 5G e Covid-19 sono iniziate a circolare ai margini di Internet, dove si sono moltiplicate non solo le teorie ma dubbi e inganni. Algoritmi non sofisticati hanno amplificato quelle voci e introdotto nell’opinione pubblica teorie non comprovate.

I funzionari del Regno Unito hanno espresso preoccupazione per il fatto che i recenti attacchi alle torri dei telefoni cellulari sono stati motivati ​​da false teorie della cospirazione. Nel frattempo, l’attore Woody Harrelson e la cantante MIA sono alcune delle celebrità e personalità influenti che diffondono tali affermazioni ai loro milioni di seguaci. Non ci sono prove a supporto della teoria secondo cui le reti 5G causano Il contagio con il Covid-19 o contribuiscono alla sua diffusione. Tuttavia, la voce accenna a perdere di intensità. Ad ogni modo, quel che è certo, è che queste sono false teorie perché non hanno basi.

 

Come funziona il 5G

Esistono diverse teorie che collegano il 5G e il Covid-19. Una di queste suggerisce semplicemente che le reti 5G causano il Covid-19 o i sintomi dell’infezione. Un altro aspetto più insidioso è che le reti 5G emettono radiazioni che indeboliscono il sistema immunitario, rendendo le persone più suscettibili alle infezioni.

Per demistificare, è bene aiutare a capire cos’è esattamente la rete 5G. Si tratta di una rete wireless di prossima generazione che dovrebbe consentire un’ondata di tecnologie che cambieranno il modo in cui le persone vivono e lavorano: le potenziali applicazioni includono auto autonome, interventi chirurgici remoti e fabbriche automatizzate, anche se ci vorrà un po’ prima di vedere quel tipo di cambiamenti.

Le grandi differenze tra 4G e 5G sono velocità più elevate, maggiore larghezza di banda e tempi di ritardo più brevi nelle comunicazioni tra dispositivi e server. I segnali 5G funzionano su nuove frequenze radio, che richiedono l’aggiornamento delle radio e di altre apparecchiature nelle torri dei telefoni cellulari. Gli operatori che costruiscono reti 5G superveloci devono installare tonnellate di piccoli impianti cellulari su pali della luce, pareti o torri, spesso vicini l’uno all’altro. Fino ad ora, le reti sono state distribuite principalmente città per città.

 

Perché le persone collegano il 5G al Covid-19?

Le reti 5G hanno iniziato a diffondersi in città e Paesi nel 2018, ma sono state ampiamente adottate nel 2019, lo stesso anno in cui Wuhan, in Cina, ha avuto il primo focolaio di coronavirus al mondo. I teorici della cospirazione si sono affrettati a collegare i due, ignorando un adagio sempre rilevante: la correlazione non implica la causalità.

Molti uteti, inoltre, hanno condiviso due mappe degli Stati Uniti, suggerendo che le aree che erano state maggiormente colpite dal Covid-19 erano anche luoghi in cui erano state installate reti 5G. Un’altra cosa che hanno in comune? Sono le aree metropolitane: grandi centri abitati che sono più vulnerabili alla diffusione del coronavirus e hanno maggiori probabilità di adottare prima le reti 5G.

Vi sono altri motivi per cui tali suggerimenti non reggono. Sebbene l’Iran non abbia lanciato il 5G, è uno dei Paesi più colpiti dalla pandemia. Gli aggiornamenti all’infrastruttura wireless sono stati falsamente collegati alle malattie già in passato e, questa, volta è accaduto lo stesso con il coronavirus.

Molte delle teorie della cospirazione del 5G/Covid-19 sono collegate a gruppi che hanno a lungo affermato che le onde wireless causano il cancro, anche se non ci sono prove credibili a sostegno di questo.

La ricerca mostra che le onde di radiofrequenza (RF) emesse dai telefoni cellulari non hanno abbastanza energia per danneggiare direttamente il DNA o riscaldare i tessuti del corpo; i loro livelli di energia sono inferiori anche rispetto a tecnologie come forni a microonde e televisori. Inoltre, i segnali 5G sono in realtà peggiori negli oggetti che penetrano rispetto ai segnali 4G, motivo per cui le reti 5G richiedono molte più strutture cellulari più piccole costruite una accanto all’altra.