Kepler-1649c

Un team di scienziati transatlantici, utilizzando dati rianalizzati dal telescopio spaziale Kepler della NASA, ha scoperto un esopianeta delle stesse dimensioni della Terra in orbita nella zona abitabile della sua stella. Gli scienziati hanno scoperto questo pianeta, chiamato Kepler-1649c, osservando le vecchie osservazioni del telescopio. Di tutti gli esopianeti trovati da Kepler, questo mondo situato a 300 anni luce da noi è molto simile alla Terra per dimensioni e temperatura.

Questo mondo è solo 1,06 volte più grande del nostro pianeta. Inoltre, la temperatura dell’esopianeta potrebbe essere simile a quella della Terra, ma a differenza del nostro pianeta, orbita attorno a una nana rossa. Solitamente questo tipo di stelle è noto per rendere l’ambiente di un pianeta impegnativo per qualsiasi potenziale vita.

“Questo mondo intrigante ci dà ancora più speranza che una seconda Terra si trovi tra le stelle”, ha dichiarato Thomas Zurbuchen, amministratore della Science Mission Directorate della NASA a Washington. “I dati raccolti da missioni come Kepler e il TESS continueranno a produrre incredibili scoperte mentre si scoprono pianeti promettenti anno dopo anno”.

C’è ancora molto che non sappiamo su Kepler-1649c, compresa la sua atmosfera, che potrebbe influenzare la temperatura del pianeta. Gli astrobiologi avranno bisogno di molte più informazioni su questo pianeta per capire se è davvero abitabile.

Tra tutti gli esopianeti Kepler-1649c è considerato il più simile alla Terra presente nella zona abitabile del suo sistema. “Tra tutti i pianeti etichettati che abbiamo recuperato, questo è particolarmente eccitante”, ha detto Andrew Vanderburg, ricercatore e primo autore dell’articolo pubblicato oggi su The Astrophysical Journal Letters.

Kepler-1649c orbita così vicino alla sua nana rossa che un anno sull’esopianeta equivale a soli 19,5 giorni terrestri. Le stelle nane rosse sono tra le più comuni nella galassia, il che significa che pianeti come questo potrebbero essere più comuni di quanto possiamo immaginare.

Kepler-1649c

Un terzo possibile pianeta

Kepler-1649c non è solo simile alla Terra, ma il rapporto orbitale tra i due pianeti indica che il sistema è stabile e probabilmente sopravvivrà a lungo.

Rapporti quasi perfetti sono spesso causati da un fenomeno chiamato risonanza orbitale, ma quello tra i due sistemi planetari sembra essere unico. Sebbene non confermata, la rarità di questo rapporto potrebbe suggerire la presenza di un pianeta intermedio con il quale entrambi i pianeti ruotano in sincronia.

Il team ha cercato prove di questo terzo pianeta misterioso, senza risultati. Tuttavia, ciò potrebbe essere dovuto al fatto che il pianeta è troppo piccolo per essere localizzato con il telescopio spaziale Kepler.

Ad ogni modo, questo sistema fornisce l’ennesimo esempio di un pianeta nella zona abitabile di una stella nana rossa. Queste stelle piccole e deboli richiedono che i pianeti orbitino estremamente vicini per trovarsi all’interno di quella zona per la vita come la conosciamo. Sebbene questo singolo esempio sia solo uno dei tanti, ci sono prove crescenti che tali pianeti sono comuni intorno alle nane rosse.

“I dati ci suggeriscono sempre più l’idea che esopianeti abitabili e di dimensioni terrestri sono comuni intorno a questo tipo di stelle”, ha affermato Vanderburg. “Con le nane rosse quasi ovunque intorno alla nostra galassia la possibilità che ci sia un pianeta non troppo diverso dalla nostra Terra è un’ipotesi concreta.”

Missioni come Kepler e TESS aiutano a contribuire nella ricerca per capire se le condizioni ambientali di mondi lontani possano ospitare la vita come la conosciamo.