covid-19-terapia-intensiva

Il recupero nelle persone colpite dal Covid-19, nei casi più gravi e in particolare delle persone con precedenti problemi di salute, può portare a conseguenze gravi che potrebbero perdurare anche per tutta la vita, come analizzato da esperti medici portoghesi che parlano di possibili problemi permanenti nel cervello, nel cuore e nei polmoni. E, nei casi più gravi di pazienti che necessitano di terapia intensiva, lo scenario è più negativo. I cateteri invadono la barriera che è la pelle, c’è un tubo nella trachea, un tubo per il cibo. Alcuni pazienti, inevitabilmente, soffriranno altre infezioni, perdita di massa muscolare, maggiore rischio renale ed epatico, meno ossigenazione del sangue, meno resistenza allo sforzo o all’indebolimento del sistema immunitario in generale.

 

Gravi pazienti cardiaci con “altissima probabilità di non sopravvivere”

Nel caso di persone con problemi cardiovascolari prima dell’infezione, la prognosi è più riservata. Sono i pazienti con una mortalità più elevata, dopo gli anziani di età superiore agli 80 anni. I pazienti cardiovascolari più gravi avranno un cattivo decorso clinico, con molte complicazioni e un’altissima probabilità di non sopravvivere, stando a quanto sostengono gli scienziati.

Le persone respirano male, infatti, hanno meno ossigeno nel sangue e questo può indirettamente creare condizioni per le persone che hanno un attacco cardiaco secondario. E quelli che hanno placche nelle arterie coronarie [depositi di grasso o tessuto fibroso nelle arterie che forniscono sangue al cuore] possono anche avere un infarto miocardico.

Tuttavia, quando le condizioni cliniche del paziente peggiorano, con una “situazione di danno cardiaco generalizzato, non c’è quasi alcun recupero“.

 

Anche camminare può diventare difficile a causa di un danno polmonare

Nei polmoni possono esserci sequele permanenti per i pazienti che sono stati sottoposti a terapia intensiva. Il sistema immunitario vuole combattere il virus, ma se non è in grado di farlo, provoca danni strutturali al polmone, che è come un danno collaterale nella battaglia del nostro corpo contro l’invasore.

Il modo in cui il polmone può rigenerarsi dopo la “battaglia” contro il virus è curare le regioni distrutte. Questo recupero polmonare viene effettuato a spese di ampie aree della fibrosi polmonare. Nelle situazioni più gravi, i pazienti che recuperano possono avere “una limitazione dell’attività più vigorosa fino a una fase di incapacità quasi totale di eseguire gli sforzi anche se limitati“.

 

La mancanza di gusto e olfatto indicano effetti neurologici

Ci sono anche segni del fatto che il coronavirus può influenzare il sistema nervoso centrale. La mancanza di gusto (ageusia) e olfatto (anosmia), di cui alcuni pazienti si lamentano come sintomo della malattia, è un segno che alcuni dei nervi cranici sono stati colpiti. Durante la fase acuta, il virus può anche causare, in circa il 16% dei casi, mal di testa e vertigini; e più raramente, potrebbe anche esserci una perdita di conoscenza.

È possibile che la reazione infiammatoria che il virus suscita possa anche essere un fattore che contribuisce al danno del sistema nervoso. Mentre altri strascichi possono essere quelli legati a problemi di memoria, alterazioni cognitive e microinfarti cerebrali, oltre a problemi psichiatrici” con ansia, stress, depressione e panico.