oumuamua

Oumuamua è stato il primo oggetto interstellare mai scoperto ad attraversare il Sistema Solare nel 2017, ma la sua origine e le sue caratteristiche insolite rimangono un mistero. Tuttavia, un nuovo studio sostiene che Oumuamua sia, in realtà, un frammento di un pianeta distrutto da una stella.

Lo studio suggerisce che il corpo dei “genitori” di Oumuamua potrebbe potenzialmente essere una grande cometa o un planetoide frantumato prima che diventasse un pianeta a tutti gli effetti. Qualunque sia l’oggetto in questione, è passato molto vicino alla sua stella ospite e sarà fatto a pezzi dalle sue forze.

Quindi, secondo lo studio pubblicato questa settimana sulla rivista scientifica Nature Astronomy, i frammenti di roccia verranno spinti nello spazio interstellare, passando infine attraverso altri sistemi stellari. “Oumuamua non assomiglia a nulla presente nel nostro sistema solare“, ha dichiarato Yun Zhang, degli Osservatori astronomici nazionali dell’Accademia cinese delle scienze. “È davvero un oggetto misterioso, ma alcuni segni, come i suoi colori e l’assenza di emissioni radio, indicano che è un oggetto naturale“.

Due delle principali proprietà insolite dell’oggetto interstellare sono la sua forma e la sua mancanza di coma nuvoloso. Il team pensa di poterli spiegare con i suoi sofisticati modelli.”Abbiamo presentato per la prima volta un modello completo per affrontare tutti i diversi pezzi del puzzle associati al primo oggetto interstellare Oumuamua, basato su principi fisici ben compresi“, ha detto Zhang.

 

Un sigaro nello spazio: origine e provenienza

I ricercatori hanno usato una simulazione al computer per mostrare come un frammento che passava a poche centinaia di migliaia di chilometri dalla stella potesse essere frustato nella strana forma allungata di un sigaro che abbiamo osservato quando l’oggetto è stato scoperto.

Anche il modo in cui si muove attraverso lo spazio è peculiare e un’accelerazione non gravitazionale è stata rilevata mentre attraversa il Sole. Questo è generalmente riscontrato nelle comete, poiché il calore del Sole rilascia molto materiale ghiacciato o roccioso, ma gli astronomi non hanno scoperto alcuna evaporazione. Oumuamua non sembrava formare un coma, il guscio nuvoloso di ghiaccio e polvere che si vede intorno al nucleo di una cometa.

Secondo il modello degli scienziati, la superficie del corpo del frammento potrebbe diventare abbastanza calda da evaporare i suoi componenti volatili, rendendo difficile la produzione di un coma. Tuttavia, sul fondo dell’oggetto interstellare, potrebbe esserci acqua che, una volta vicina al Sole, potrebbe riscaldarsi ed evaporare, producendo l’accelerazione inattesa osservata.

Oumuamua, o “Messaggero delle stelle”, è stato circondato da misteri dal giorno in cui è stato scoperto dagli astronomi all’Università delle Hawaii, nell’ottobre 2017. Dopo aver notato i cambiamenti nella velocità del suo movimento, il Centro di astrofisica di Harvard-Smithsonian ha suggerito che l’asteroide potrebbe essere una “sonda” inviata intenzionalmente sulla Terra da una “civiltà aliena“.

Nell’ultimo anno, il mondo dell’astronomia si è concentrato sullo studio del corpo celeste e diverse teorie sono già state presentate in articoli scientifici: dal suo passato violento, passando attraverso la possibilità di essere un sistema binario e persino la probabile posizione della proveniena.

I ricercatori hanno anche suggerito che migliaia di oggetti simili a Oumuamua potrebbero essere intrappolati nel Sistema Solare. Di recente, l’astronomo dilettante Guennadi Borísov, residente in Crimea, ha rilevato la cometa il 30 agosto usando un telescopio del diametro di 0,65 metri che si è costruito da solo. Questa cometa è il secondo oggetto interstellare scoperto nella storia.