covid-19-polmoni

I medici e gli operatori sanitari americani stanno scoprendo che il posizionamento supino dei pazienti Covid-19 nei reparti di terapia intensiva a faccia li aiuta a mantenerli in vita. “Gli salva la vita, credo“, ha dichiarato Mangala Narasimhan, direttore regionale della terapia intensiva presso la Northwell Health di New York, negli Stati Uniti. “È una cosa così semplice da fare. E abbiamo visto notevoli miglioramenti“, ha insistito.

Questa posizione aiuta i pazienti infetti dal nuovo coronavirus (SARS-CoV-2) ad avere più ossigeno nei loro polmoni. Un paziente ricoverato presso l’Ospedale ebraico di Long Island, nel Queens, ha visto il suo tasso di saturazione di ossigeno aumentare dall’85% al ​​98% quando è stato posto a faccia in giù – una differenza di 13 punti percentuali.

Mettendo i pazienti in questa posizione, apriamo parti del polmone che prima non erano aperte“, ha spiegato Kathryn Hibbert, direttrice dell’unità di terapia intensiva presso il Massachusetts General Hospital.

 

Altri studi

Uno studio scientifico pubblicato nel 2013 sul New England Journal of Medicine ha concluso che questa posizione ha contribuito a ridurre i tassi di mortalità nei pazienti con sindrome da stress respiratorio acuto grave (ARDS), un tipo di insufficienza respiratoria causata dall’infiammazione dei polmoni, una condizione che alcuni pazienti con Covid-19 gravi hanno.

Tuttavia, è importante notare che lo studio ha analizzato solo i pazienti che hanno utilizzato i ventilatori, cioè non è possibile concludere da questa indagine cosa accadrebbe in queste condizioni con pazienti che non erano gravemente malati.

Un altro studio, pubblicato a marzo e condotto presso l’ospedale di Wuhan, nella provincia cinese dove è nata la nuova pandemia, ha concluso che il posizionamento dei pazienti sullo stomaco era, in alcuni casi, più utile che applicare una pressione positiva ai polmoni attraverso ventilatori in pazienti critici con infezione da Covid-19.

Questo studio è la prima descrizione del comportamento dei polmoni in pazienti gravi con Covid-19 che hanno bisogno di ventilazione meccanica e che ricevono una pressione positiva“, ha detto Haibo Qiu, professore alla Southeast University School of Medicine di Nanchino, in Cina, e co-autore dell’articolo pubblicato, i cui risultati sono stati pubblicati sulla rivista American Journal of Respiratory and Critical Care Medicine.

Lo studio indica “che alcuni pazienti non rispondono bene all’elevata pressione positiva e che rispondono meglio alla posizione del loro stomaco a letto“, ha concluso l’esperto cinese, citato in una dichiarazione rilasciata fino ad oggi.

Nonostante i risultati positivi registrati, questi studi sono ancora “acerbi” in termini di dimensioni e non possono essere generalizzati a una popolazione più ampia. Ci sono ancora molti pazienti che non sono fisicamente in grado di trascorrere l’intera giornata in questa posizione mentre sono ricoverati in ospedale.

Gli scienziati statunitensi stanno ora analizzando gli effetti del cambiamento della posizione dei pazienti che necessitano di ossigeno supplementare, ma non necessariamente di un ventilatore.