covid-19-pandemia

Diversi virologi tedeschi hanno avvertito del pericolo di una seconda ondata della pandemia di Covid-19, con conseguenze probabilmente più serie, e hanno chiesto di non abbassare la guardia. “Siamo ancora all’inizio della pandemia, questo è qualcosa che molti dimenticano“, ha dichiarato Melanie Brinkmann, del Centro Helmholtz per lo studio delle malattie infettive. “Il governo ha inviato il segnale sbagliato con il rilassamento delle misure e temo che molti non prenderanno più il virus sul serio e intensificheranno nuovamente i loro contatti“, ha aggiunto.

Christian Drosten, direttore del Dipartimento di virologia dell’Ospedale universitario di La Charité a Berlino, ha affermato che una seconda ondata di pandemia potrebbe essere più pericolosa della prima, perché il virus è ora ovunque e potrebbe riprodursi rapidamente. Drosten ha espresso preoccupazione per il successo delle misure finora adottate e la soppressione di alcune restrizioni porterà a una perdita di consapevolezza del rischio che continua ad esistere.

A differenza di Brinkmann, Drosten non ha criticato l’eliminazione delle restrizioni, ma la tendenza a ritenere che non fossero necessarie e che l’epidemia potesse rallentare da sola. “C’è una tesi secondo cui non sarebbe necessario ridurre i contatti“, ha dichiarato Drosten in alcune dichiarazioni pubblicate dal quotidiano di Monaco Süddeutsche Zeitung.

 

Evoluzione R

Questa tesi si basa sul fatto che il fattore di riproduzione R – che indica quante persone in media una persona infetta – ha già iniziato a diminuire prima delle restrizioni. Per Drosten, è il gran numero di test effettuati da marzo che riduce la curva di evoluzione R e anche la minore mobilità della popolazione, come dimostrato dai dati Apple.

Le misure di restrizione di contatto sono state decise a marzo un po’ ovunque e il fatto che la popolazione anticipi e mostri disciplina nella loro conformità rischia di mettere tutto in discussione. “Il successo è usato come argomento secondo cui nulla di ciò che è stato fatto era necessario“, ha detto. “Aiuta alcune forze politiche che affermano che ora si deve dare l’opportunità all’economia di riavviarsi. Sebbene gli stati di fermo possano causare danni all’economia, alla fine si dovrebbero probabilmente adottare misure più restrittive” anche a lungo termine, ha aggiunto.