oro-smartphone

L’oro è un metallo prezioso nell’industria tecnologica. Sebbene non sia il metallo con la migliore conduttività elettrica, la sua malleabilità e resistenza alla corrosione lo rendono un componente essenziale per la longevità del prodotto. I produttori di smartphone utilizzano l’oro per pin, relè e connettori, componenti che inviano segnali o devono rimanere flessibili per la durata del dispositivo.

Sugli iPhone di Apple, c’è oro nelle fotocamere, bobine di ricarica wireless e schede logiche. La quantità di oro su un iPhone è molto piccola, ma i numeri stanno aumentando rapidamente. “Su iPhone XS, ad esempio, l’oro rappresenta meno dello 0,01% della massa totale del prodotto” o fino a 0,018 grammi, secondo il Rapporto sulla responsabilità ambientale del 2019 di Apple. Tuttavia, Apple ha venduto quasi 200 milioni di iPhone nel solo 2019. “Gran parte dell’impronta materiale sul telefono è oro“, ha affermato Kyle Wiens, co-fondatore di iFixit, riferendosi all’eccessivo impatto ambientale dell’oro su un iPhone rispetto al suo peso.

 

Una miniera d’oro… in tasca

Se non viene riciclato, l’oro sul tuo iPhone potrebbe provenire da una miniera di un paese in via di sviluppo e alimentato da una serie di fonderie e raffinerie. Ognuno di questi passaggi produce rifiuti e consuma energia. “In media, la produzione di un singolo anello d’oro lascia indietro 20 tonnellate di rifiuti di miniera“, ha affermato Payal Sampat, direttore del programma minerario di Earthworks, un’organizzazione di attivismo ambientale senza scopo di lucro. “Questa statistica è probabilmente più di 30 a 40 tonnellate di rifiuti di miniera“.

Pozzi di estrazione mineraria e lisciviazione con cianuro – due comuni metodi di estrazione dell’oro – hanno distrutto centinaia di migliaia di ettari di habitat nelle regioni più biodiversità del mondo, tra cui la foresta pluviale amazzonica.

La miniera d’oro Lihir in Papua Nuova Guinea inquina ogni anno oltre cinque milioni di tonnellate di rifiuti tossici con cianuro. Dalla Romania e dalla Russia al Ghana, alla Cina e persino al Canada, lo scarico delle dighe delle miniere d’oro ha avvelenato paesaggi, causato massicce morti di pesci e danneggiato il sostentamento delle comunità indigene di tutto il mondo.

Le operazioni di estrazione dell’oro hanno una storia di finanziamento dei conflitti armati. Nel 2015, più della metà delle miniere d’oro congolesi sono state sorvegliate da combattenti armati. Circa l’80% dei minatori artigianali in Congo lavora in siti d’oro, che presentano una presenza armata significativamente maggiore rispetto a qualsiasi altro tipo di estrazione mineraria nella regione.

Gli esperti ritengono che queste operazioni minerarie abbiano finanziato guerre nella Repubblica democratica del Congo tra il 1996 e il 2003, portando alla morte di oltre cinque milioni di persone. In risposta al conflitto, gli Stati Uniti, l’Unione Europea e la Cina hanno creato regolamenti commerciali internazionali per impedire alle aziende di acquisire minerali dalla Repubblica Democratica del Congo.

In effetti, sezioni del Dodd-Frank Act degli Stati Uniti, aggiunte durante l’amministrazione Obama, richiedevano alle società quotate in borsa degli Stati Uniti di rivelare la loro fonte di minerali per assicurarsi che non provenissero dalla Repubblica Democratica del Congo. D’altro canto, il Dodd-Frank Act non si rivolgeva al commercio di minerali di conflitto in tutte le regioni. Molte compagnie hanno ignorato e continuato a finanziare conflitti in altre regioni come la Colombia, dove l’estrazione illegale di oro ha superato la produzione di cocaina come principale fonte di finanziamento per i gruppi di criminalità organizzata e guerriglia.

Oggi è difficile sapere se l’oro del tuo iPhone proviene da una zona di conflitto, perché Apple non pubblica una guida completa alla sua catena di approvvigionamento. Apple sta cercando di aggirare il problema del consumo di oro attraverso il riciclo. Sebbene la società affermi che il suo obiettivo finale è quello di creare una catena di approvvigionamento circolare, con i prodotti Apple realizzati solo con materiali riciclati dei suoi vecchi prodotti, l’azienda continua a fare affidamento sull’oro estratto come fonte principale dei suoi prodotti.

Apple continua a ottenere la maggior parte del suo oro da paesi come la Colombia, il Perù, il Venezuela e il Brasile, dove le miniere d’oro avvelenano la terra, alimentano la corruzione, violano la sovranità delle popolazioni indigene e finanziano gruppi militanti.