valanghe-marte

Le valanghe giganti potrebbero aver distrutto chilometri di crateri polari di Marte a velocità fino a 80 metri al secondo. Questi fenomeni possono risolvere un mistero sulle strane caratteristiche del Pianeta Rosso. Marte, infatti, è pieno di caratteristiche bizzarre come “dune extraterrestri” di superficie. I ricercatori hanno da tempo osservato strane caratteristiche lineari che percorrevano i lati di due crateri da impatto nella regione polare nord del pianeta.

Secondo un nuovo studio che sarà pubblicato nel mese di luglio sulla rivista Planetary and Space Science , queste formazioni a spirale sono ciò che rimane di valanghe di ghiaccio monumentali che si sono verificate circa un milione di anni.

In precedenza, gli scienziati avevano sostenuto che queste forme lineari apparivano come strutture lineari montuose formate da ghiacciai a movimento lento che spingono sporco e rocce in anticipo sul loro progresso. Nelle regioni polari di Marte, i ghiacciai sono fatti di anidride carbonica, ma i loro effetti geologici sono gli stessi.

Il nuovo studio sostiene che le grandi torri di ghiaccio d’acqua, chiamate massicci, situate lungo il pendio del cratere, sono crollate, dando luogo a valanghe epiche. Le creste simili ad onde sinuose e brune erano formate dall’accumulo di detriti spinti sul fondo dei crateri dal crollo dei massicci.

 

Eccessivo accumulo di ghiaccio

Sergey Krasilnikov, dell’Accademia Russa delle Scienze, e colleghi hanno simulato questi focolai ipotetici utilizzando i dati raccolti dalla NASA e l’esecuzione di calcoli indipendenti. Insieme, questi metodi hanno supportato uno scenario in cui “l’eccessivo accumulo di ghiaccio d’acqua sui pendii” ha raggiunto “una condizione critica instabile“, con conseguente valanghe di ghiaccio e formazione di creste.

I massicci si formano attraverso il costante accumulo di brina. Alla fine, il peso e la pressione divennero così intensi che i massicci collassarono, rilasciando il loro contenuto sul fondo del cratere. Il più grande dei due crolli ha coinvolto circa 2,42 chilometri quadrati di ghiaccio, mentre il più piccolo ne ha coinvolto 1,1 chilometri quadrati. Il massiccio più grande era alto circa 150 metri e il più piccolo di 100 metri.

La caduta di ghiaccio e detriti avrebbe viaggiato a circa 80 metri al secondo. Poiché la gravità è inferiore su Marte, l’enorme eccesso di detriti si estende su un ampio territorio, raggiungendo circa 15 chilometri dal punto di partenza nel crollo più grande e 12 chilometri nel più piccolo. Durante il più grande crollo del massiccio, la valanga coprì un’area totale di 104 chilometri quadrati. “È una buona spiegazione alternativa“, ha dichiarato Mike Sori, uno scienziato planetario dell’Università dell’Arizona.

Sono necessarie ulteriori prove a supporto di questo studio. La ricerca futura dovrà spiegare perché sono stati trovati solo due esempi di valanghe su Marte.