delfini-australiani

I ricercatori hanno documentato comportamenti rischiosi nell’alimentazione dei delfini australiani sul fiume Fitzroy, nel Queensland. I gruppi di delfini nuotano verso la riva, emergono dall’acqua e si arenano su spiagge o banchi di sabbia per nutrirsi di piccoli pesci.

Secondo Daniele Cagnazzi, ricercatore della Southern Cross University, in Australia, questo comportamento è “molto rischioso, poiché i delfini sono a rischio di essere intrappolati“. E prosegue: “Tuttavia, poiché è qualcosa che si ripete regolarmente, deve fornire una parte importante delle sue esigenze alimentari quotidiane (i delfini devono consumare dal 4 al 6% del loro peso corporeo ogni giorno nei pesci“, spiega.

 

Un’abitudine non nuova

Questa alimentazione vicino alla costa è stata osservata, per la prima volta, nei delfini tursiopi che vivevano nelle acque delle paludi della Carolina del Sud e della Georgia, negli Stati Uniti. Nei decenni seguenti, il comportamento fu documentato anche altrove, specialmente nei delfini, ma anche nelle orche.

Per quanto riguarda i delfini australiani, una specie che è stata descritta scientificamente solo nel 2014, questo comportamento è stato rilevato solo in un posto, cioè sul fiume Fitzroy, nello stato del Queensland.

Cagnazzi, che ha studiato questi delfini per diversi anni, spiega che questo comportamento si verifica durante la bassa marea, quando i banchi di sabbia sono esposti. Di conseguenza, tutto ciò che influisce sull’habitat del fiume, come inondazioni o sedimentazione, può avere un impatto sulla capacità di nutrire questi delfini.

Il nostro obiettivo è quello di utilizzare l’analisi dei dati fotografici e genetici per determinare se questo comportamento alimentare è trasmesso culturalmente dalle madri alla loro prole“, afferma.