everest-studio-pandemia-turisti

Come molti luoghi turisti sparsi per tutto il mondo, il Nepal è completamente svuotato di turisti. Se da un lato questo è un problema per i locali che si basano su quest’ultimi per andare avanti, dall’altro lato è un qualcosa di positivo per i ricercatori. La montagna più alta del mondo tutta a loro disposizione, l’Everest.

La preparazione è iniziata a marzo, ma il vero lavoro dei 53 membri di un team di ricerca deve ancora partire. Questione di giorni. Quest’ultimi, insieme alla rete di satelliti della Cina, cercheranno di scoprire qualcosa di più su tale montagna. Il focus principale sembrerebbe le risorse naturali presenti nel colosso di roccia, un aspetto che potrebbe far preoccupare sul futuro.

 

Everest: la montagna senza turisti

Un altro aspetto su cui si concentreranno sarà l’altezza effettiva del monte. Sarebbe la sesta volta che la Cina si impegna a determinare quest’ultima e non è semplice. Non è mai lo stesso numero. Nel 1975 era i 8.848,13 metri, mentre nel 2005 era 8.844,43. Variazioni che dipendono da diversi fattori.

Sicuramente per i ricercatori cinesi questa è un’opportunità più unica che rara. Una pandemia globale ha completamente liberato dai turisti la montagna. Purtroppo, quest’ultimi sono un problema per diversi motivi, tra cui l’inquinamento. Spesso e volentieri si lasciano dietro rifiuti su rifiuti.

La dichiarazione ufficiale dell’ufficio stampa della spedizione ha dichiarato che la spedizione riguarda “facilitare il monitoraggio dei ghiacciai e la protezione ecologica“. Date certe sulla durata della ricerca non ci sono, ne sull’arrivo sulla cima da parte dei ricercatori. Le condizioni meteo avranno sicuramente il loro impatto sulle tempistiche.