maya-falla-soomersa

Un team di esperti ha esplorato la grande falda acquifera Maya, situata in Messico, per circa quattro anni e ha fatto scoperte sorprendenti che vanno da numerosi siti archeologici ai resti di uomini primitivi.

Durante la spedizione, nonché la più grande indagine subacquea mai condotta nel Paese, gli scienziati sono rimasti sorpresi dall’estensione della Grande falda acquifera Maya. “Sapevamo che c’era una falda acquifera naturale sotto la penisola che includeva gli stati messicani di Yucatán, Campeche e Quintana Roo, ma una delle missioni [di ricerca] era quella di caratterizzarla prima con un nome, ma le scoperte che abbiamo fatto mostrano che la dimensione è molto più grande di quanto pensassimo, ci sono migliaia di chilometri di grotte allagate con acqua dolce”, ha dichiarato Guillermo de Anda, direttore del progetto Grande Maya Aquifer (GAM).

Nello stato di Quintana Roo, ad esempio, abbiamo trovato la connessione di due grandi sistemi di grotte – Sac Aktún e Ox bel ha – con i quali siamo riusciti a trovare la più grande grotta allagata del mondo, con 379 chilometri“, ha esemplificato.

 

Yucatán, la terra dei misteri

La penisola dello Yucatán comprende gli stati dello Yucatán, Quintana Roo e Campeche, nonché parti del Belize e del Guatemala.

Ma non era solo la dimensione della falda acquifera che ha affascinato gli scienziati: diversi siti archeologici sommersi sono stati ancora trovati pieni di tracce di uomini primitivi. “Abbiamo trovato un gran numero di siti archeologici, cioè ci sono prove che indicano che è il più grande sito archeologico sommerso del mondo“.

Ci sono molti oggetti e ossa (…); abbiamo tracce del pleistocene, animali estinti, circa 12 tracce di uomini primitivi sulla penisola, in un’area in cui non sono stati considerati fino ad ora. Questa è una grande notizia”, considerato l’esperto.

Nella sola grotta di Sac Aktún, ha indicato come esempio, sono stati trovati 200 siti archeologici con tracce della mitica cultura Maya e persino dei periodi coloniali.

 

Sede dei più antichi organismi viventi sulla Terra

Il progetto, che non ha finanziamenti dal governo del Messico, inizialmente si concentrava sul ramo dell’archeologia, ma era necessario aprirlo ad altre discipline. “Quando ho visto l’estensione e la quantità di materiale archeologico, mi sono reso conto che era difficile trovare spiegazioni usando solo l’analisi archeologica. Pertanto, idrogeologi, biologi e altri specialisti sono stati aggiunti alla ricerca per cercare di comprendere e interpretare meglio questa falda acquifera complessa“.

La falda acquifera, una delle più grandi e complesse al mondo, è un connettore di ecosistemi a rischio, una fonte vitale per la popolazione della regione e conserva ancora importanti materiali archeologici e paleontologici. “Riteniamo che sia una falda acquifera con migliaia di chilometri. Oltre al materiale archeologico e geologico, stiamo cercando di comprendere meglio la forma della penisola, stiamo trovando indicazioni dei più antichi organismi viventi sulla Terra”, afferma l’esperto.

 

Base della vita sulla penisola

Alla fine di novembre, sono stati presentati alcuni dei risultati dell’indagine. “Abbiamo cercato di avvicinare il governo in vari casi, ma finora non abbiamo avuto il successo che vorremmo“, ha affermato De Anda. Gran parte del finanziamento proviene dal National Geographic, con il progetto sostenuto da altre istituzioni come la National Autonomous University of Mexico e la Riviera Maya Technological University.

All’inizio del 2018, De Anda ha sottolineato che questo è il sito archeologico sommerso più grande e “più importante” del mondo, sottolineando che il sistema è un “tunnel del tempo“, che in alcuni casi può trasportarci tra 12 mila a 10 mila anni fa.

Secondo De Anda, l’obiettivo principale del progetto è prendersi cura, preservare, esplorare e, soprattutto, preservare la Grande falda acquifera Maya. Dopotutto, è la base della vita nella penisola messicana.