siccità

Le generazioni future dovranno affrontare una “bomba a orologeria” ambientale poiché i sistemi idrici sotterranei del pianeta hanno bisogno di decenni per rispondere all’attuale impatto dei cambiamenti climatici. Scoperta sottoterra, nelle fessure del suolo, sabbia e roccia, la falda freatica è la più grande fonte utilizzabile di acqua dolce del pianeta e oltre due miliardi di persone dipendono da essa per bere o irrigare le piantagioni.

Viene lentamente fornita dalla pioggia – un processo noto come ricarica – e scaricata in laghi, fiumi o oceani per mantenere un equilibrio generale tra l’acqua che entra ed esce. Le riserve idriche sotterranee sono già sotto pressione man mano che la popolazione globale cresce esponenzialmente e la produzione agricola cresce in sincronia. Tuttavia, secondo uno studio pubblicato su Nature Climate Change, eventi meteorologici estremi come siccità e piogge da record – entrambi aggravati dal riscaldamento globale – possono avere un impatto duraturo sulla rapidità di rifornimento delle riserve.

 

Lo studio

Un team internazionale di ricercatori ha utilizzato la modellizzazione computerizzata dei set di dati delle acque sotterranee per stabilire un calendario su come le riserve possono rispondere ai cambiamenti climatici. “Le acque sotterranee non sono visibili e sono lontane dalla mente, questa enorme risorsa nascosta a cui la gente non pensa molto, ma supporta la produzione alimentare globale“, ha dichiarato Mark Cuthbert, della School of Earth and Ocean Sciences dell’Università di Cardiff.

Cuthbert e il team hanno scoperto che solo la metà di tutte le risorse idriche sotterranee sarà probabilmente reintegrata o riequilibrata nei prossimi cento anni, il che potrebbe portare a una carenza di aree più asciutte.

Facciamo affidamento sulla pioggia per mantenere le acque sotterranee, il che significa che le aree con un clima più caldo e meno ricche di pioggia accenderanno la miccia di una futura “bomba a orologeria” in cui l’approvvigionamento idrico non può tenere il passo con la domanda. Il ritardo rende questa scarsità “nascosta” ancora più pericolosa.

Il processo attraverso il quale l’acqua piovana viene filtrata attraverso il letto di roccia e accumulato sottoterra può richiedere secoli e varia notevolmente a seconda della regione. Poiché i cambiamenti climatici portano a siccità più lunghe e tempeste più estese, gli estremi delle precipitazioni diventano più pronunciati, incidendo sulle riserve idriche sotterranee per le generazioni future.

Il team ha scoperto che le riserve nelle aree aride richiedevano molto più tempo – alcune migliaia di anni in alcuni casi – per rispondere ai cambiamenti climatici rispetto alle riserve nelle parti più umide. “Parti delle acque sotterranee che si trovano oggi sotto il Sahara stanno ancora rispondendo ai cambiamenti climatici diecimila anni fa, quando era molto più umido“, ha detto Cuthbert. “Sappiamo che ci sono ritardi enormi“.

Lo studio ha mostrato uno degli impatti “nascosti” del cambiamento climatico e chiede un’azione immediata. “Alcune parti del mondo possono diventare più umide, altre possono diventare più secche, ma non è solo la quantità totale di pioggia che è importante, ma anche l’intensità della pioggia“, ha aggiunto Cuthbert.