lockdown

Da quando siamo costretti nelle nostre case e il Paese – il nostro come altrove – è in stato di blocco (apparente), le persone hanno dovuto abituarsi rapidamente a trascorrere una quantità maggiore di tempo a casa e al chiuso. L’interruzione delle nostre attività quotidiane è stata di vasta portata. Mentre alcuni hanno dovuto abituarsi a lavorare da casa ogni giorno, altri non sono hanno potuto farlo.

Il modo in cui le nostre vite si sono trasformate in così poco tempo ha avuto un forte impatto sulle nostre routine quotidiane, poiché molte persone non devono più svegliarsi in un determinato momento per essere puntuali a scuola o al lavoro.

Ciò ha apparentemente portato a un numero crescente di persone che sperimentano “stordimento” in mezzo alla pandemia di coronavirus.

 

Cos’è la stordimento da lockdown o social fatigue?

“Il termine medico per riferirsi allo stordimento è ‘inerzia del sonno’”, spiegano glie esperti.
“La stordimento si riferisce a una fase tra il sonno e la veglia quando un individuo non si sente completamente sveglio. Le persone colpite si sentono assonnate, hanno difficoltà a pensare chiaramente e possono essere disorientate e goffe per un po’ dopo il risveglio”.

Matthew Walker, professore di neuroscienze e psicologia all’Università della California, confronta il modo in cui un cervello si sveglia con un vecchio motore di automobile, affermando che l’inerzia del sonno si verifica quando “la sonnolenza è ancora sospesa nel cervello”. “Non puoi semplicemente accenderlo e guidare molto velocemente. Ha bisogno di tempo per riscaldarsi“, afferma.

Il motivo per cui una persona potrebbe sperimentare stordimento potrebbe essere dovuto a una varietà di ragioni. Ad esempio, dormire in un momento non adatto al tuo cronotipo (come essere un nottambulo o abituato ad una sveglia molto mattiniera); non dormire per un periodo abbastanza lungo; non godere di un sonno di buona qualità o di un problema di sonno sottostante, come l’apnea notturna (un disturbo che comunemente porta a russare).

Se questi motivi possono portare a capire se una persona sta vivendo un’irregolarità su base occasionale, non chiariscono perché sembra che ci sia un numero crescente di persone che si sentono spesso intorpidite in questa fase storica.

Uno dei motivi principali per cui le persone possono sentirsi piuttosto intontite è la ridotta esposizione alla luce del giorno naturale. Oggi, infatti, il tempo trascorso all’aperto è stato drasticamente ridotto. La luce del giorno è “il principale segnale biologico alla vigilanza“, motivo per cui la mancanza di esposizione alla luce del giorno ambientale o alla luce esterna sta facendo sentire le persone meno vigili durante il giorno.

Un altro fattore significativo è l’impatto dell’ansia sulla qualità del sonno. Quando le persone non sono in grado di godersi un sonno di qualità sufficiente, ciò può farli sentire intontiti il ​​giorno successivo. “Siamo nel mezzo di una pandemia globale di coronavirus e ci troviamo in un momento senza precedenti di incertezza e stress mentre elaboriamo le implicazioni di tutti gli aspetti della nostra vita“, affermano gli psichiatri. “La maggior parte di noi avvertirà un certo grado di ansia, anche se è di basso livello e probabilmente influenzerà la qualità e la durata del sonno“.

Da aggiungere, infine, il costante afflusso di notizie sull’epidemia di Covid-19 che sta probabilmente mettendo molte persone “in uno stato di massima allerta” e sentendo un “senso di impotenza“, che potrebbe essere “assorbire energia“.