cina-veicolo-spaziale-atterraggio

La Cina ha ottenuto un altro successo per quanto riguarda la corsa allo spazio e all’esplorazione spaziale. Non ha scoperto niente o mandato qualcosa su qualche pianeta, ma ha eseguito con successo una fase cruciale di un test che riguarda un nuovo prototipo di veicolo spaziale il quale è ritornato sulla Terra atterrando senza un graffio.

La cabina è tornata sulla terra intatta dopo che la nave è stata in orbita intorno al nostro pianeta per 2 giorni e 19 ore. Mentre era in volo orbitale sono anche stati eseguiti degli esperimenti che, apparentemente, sono anch’essi stati portati a termine. Il punto cruciale nella fase di ritorno erano le temperature a cui la capsula sarebbe andata incontro. Ha resistito alla perfezione.

 

Un nuovo successo cinese che guarda allo spazio

L’obiettivo di questo veicolo spaziale qual è? Portare l’uomo sulla Luna. Al momento sembra più un desiderio che un obiettivo fattibile, ma mai sottovalutare l’ambizione cinese. Si prevede che riusciranno a costruire una colonia sul nostro satellite naturale entro il 2022, una colonia in grado di ospitare scienziati. La stazione si chiamerà Tiangong, ovvero Palazzo Celeste, e il primo pezzo potrebbe essere lanciato già quest’anno.

Le parole di un portavoce: “La Cina deve andare avanti con i suoi piani per le stazioni spaziali e il primo modulo potrebbe essere lanciato all’inizio del 2021. L’atterraggio riuscito del nuovo veicolo spaziale da un’orbita alta mostra anche che la Cina è seriamente intenzionata a inviare astronauti oltre l’orbita terrestre bassa, qualcosa che solo la NASA ha raggiunto, e infine a inviare i suoi astronauti sulla Luna.”