ragazzini

Due ragazzi cinesi sono morti entro una settimana l’uno dall’altro durante una lezione di ginnastica, secondo un rapporto. Gli studenti, entrambi di soli 14 anni, stavano correndo per un test fisico quando all’improvviso sono crollati sulla pista. Uno dei ragazzini aveva preso parte alla lezione di ginnastica da pochi minuti, dopo il rientro il 24 aprile presso la scuola media di Dancheng Caiyuan, nella provincia di Henan, in Cina. “Indossava una mascherina mentre correva, poi all’improvviso è svenuto e ha sbattuto la testa per terra“, ha dichiarato il padre di uno dei ragazzini, identificatosi solo come Li.

Li ha aggiunto che insegnanti e studenti hanno cercato di aiutarlo, ma purtroppo non c’è stato nulla da fare. Il certificato di morte ha decretato che il decesso è intervenuto per arresto cardiaco improvviso, ma non è ancora stata eseguita alcuna autopsia. Il padre del ragazzo ha poi dichiarato di sostenere che la mascherina che il ragazzino ha dovuto indossare a scuola abbia avuto un ruolo cruciale nella sua morte. “Sospetto che la causa della sua morta sia imputabile al fatto che indossava la mascherina“, ha dichiarato, aggiungendo che probabilmente questa avrebbe in qualche modo intralciato la respirazione del ragazzino durante l’allenamento.

 

Durante gli allenamenti entrambi i ragazzini indossavano mascherine, ma non è chiaro il ruolo che queste possono aver avuto nella tragedia

Ma Cao Lanxiu, professore alla Shaanxi University of Chinese Medicine, afferma che è improbabile che sia stata la mascherina a far soffocare il ragazzo. “Non credo che indossare una mascherina abbia causato questa morte improvvisa“, ha detto Cao, anche se ha aggiunto di non poter affermare nulla con certezza senza un’autopsia. Sei giorni dopo la morte del primo ragazzino, un secondo studente è deceduto in circostanze spaventosamente simili nella futura scuola sperimentale di Changsha Xiangjun, nella provincia di Hunan.

ragazzini

Il ragazzino, anch’egli quattordicenne, indossava una mascherina protettiva N95 ed era impegnato nel completamento di un percorso di 1.000 metri quando si è verificato l’incidente fatale. Anche in questo caso, non è chiaro se sia stata disposta un’autopsia sul corpo del ragazzino. Sebbene non sia ancora se e in che modo le mascherine abbiano avuto un ruolo in queste due tragedie, diverse scuole di Tianjin e Shanghai hanno annullato le lezioni di educazione fisica, stando a quanto riportano i media locali.