meteorite-carancas

Il meteorite Carancas ha lasciato perplessi gli esperti sin da quando è caduto in Perù nel 2007. Come sia riuscito a raggiungere la Terra senza bruciare e la malattia che inspiegabilmente ha devastato un villaggio vicino è rimasto un mistero.

Il 15 settembre 2007, il piccolo villaggio di Carancas ha ricevuto un visitatore inaspettato. Inizialmente, gli esperti che ispezionarono il misterioso sito d’impatto non trovarono nulla, tranne un cratere profondo sei metri e largo 29, che si riempì rapidamente di acqua sotterranea proveniente dalla falda acquifera della zona.

La roccia spaziale che ha scavato il cratere si è rivelata essere un meteorite delle dimensioni di un piccolo tavolo da pranzo che pesava circa 12 tonnellate. Un’analisi di frammenti di roccia spaziale ha trovato in esso minerali come olivina, pirossene e feldspato. Prima di colpire la Terra alle 11:45, i testimoni affermano di aver visto la roccia infuocata attraversare i cieli.

Gli scienziati hanno determinato che il meteorite era emerso da una fascia di asteroidi a circa 177 milioni di chilometri di distanza dalla Terra, tra Marte e Giove. E’ stato uno dei più grandi meteoriti ad atterrare sulla Terra in tempi recenti. Il meteorite viaggiava a circa 16.000 chilometri all’ora quando ha colpito la Terra.

La conoscenza convenzionale presupponeva che la maggior parte delle meteore si frammentasse e bruciasse prima di raggiungere la superficie terrestre. Tuttavia, il meteorite che è atterrato a Carancas è rimasto inspiegabilmente intatto.

 

Il meteorite Carancas è l’unico impatto di condrite conosciuto nella storia

Ma i misteri non finiscono qui. Le prime persone ad arrivare sino al cratere Carancas furono i locali. Curiosi, i residenti hanno raccolto frammenti di roccia che si erano frantumati all’impatto. L’acqua nel cratere, intanto, bolliva e un forte odore di zolfo si era diffuso nell’aria. Anche i frammenti sembravano emettere fumo.

Ore dopo, iniziarono ad apparire le prime notizie di persone che si ammalavano nel villaggio. Si diceva che i frammenti di meteorite, che molti locali avevano custodito, fossero tossici o addirittura maledetti. I residenti iniziarono a lamentarsi di nausea, vertigini, mal di testa e vomito senza alcuna chiara causa.

Molte persone nella città di Carancas si sono ammalate. Hanno mal di testa, problemi agli occhi, pelle irritata, nausea e vomito”, aveva dichiarato all’epoca Nestor Quispe, presidente del comune di appartenenza di Carancas. “Penso che ci sia anche una certa paura psicologica nella comunità“.

Sono stati inoltre segnalati casi di sanguinamento dal naso del bestiame e persino di morte improvvisa. I residenti iniziarono persino a temere che l’approvvigionamento idrico locale non fosse più sicuro da bere.

 

Teorie della malattia da meteoriti di Carancas

Le superstizioni che circondano i corpi celesti risalgono alla storia antica tra culture diverse.

Gli Aztechi associarono il dio Quetzalcoatl al pianeta Venere, che credeva di aver predetto il futuro, mentre i romani attribuivano la vittoria su Annibale al possesso di un frammento di meteora che venerarono come “L’ago di Cibele”.

Nei registri storici di Grecia e Cina, gli eventi di “caduta di pietre” sono stati documentati e si ritiene che influenzino gli affari mondiali. Le credenze scomparvero con l’avanzare della teologia e della scienza medievali.

A Carancas, l’aspetto del meteorite ha suscitato paure superstiziose. Il capo dei Carancas, Maximiliano Trujillo, sospettava che le malattie fossero almeno in parte causate dalla superstizione, così convocò un incontro pubblico con circa 800 persone per ascoltare le spiegazioni degli scienziati sul meteorite. Alcuni non erano convinti, scegliendo di credere che la roccia spaziale fosse stata evocata dagli dei come un cattivo presagio per il futuro.

Trujillo chiese a Marcial Laura Aruquipa, una delle ultime due sciamane del villaggio, di fare un sacrificio rituale nella speranza di convincere i residenti che il meteorite non era pericoloso. Per proteggere le persone dagli altri effetti del meteorite, Trujillo costruì una recinzione attorno al cratere.

Alcuni esperti hanno determinato che la probabile causa della misteriosa malattia del meteorite Carancas era l’arsenico penetrato nelle acque sotterranee e si era vaporizzato dopo l’impatto. L’arsenico entrò nell’aria come un gas e fece ammalare quelli più vicini al meteorite. Altri hanno sottolineato che i meteoriti che si scontrano con la Terra di solito non emettono alte temperature o odori.

Quindi, mentre il caso è stato chiuso per alcuni, rimane un enigma per altri.