Covid-19 vaccino

Mentre il mondo è alle prese con la malattia di Coronavirus (COVID-19), gli scienziati corrono per sviluppare trattamenti e vaccini per combattere l’infezione virale. Sebbene molti studi in corso mostrino risultati promettenti nella lotta contro il nuovo virus, i ricercatori italiani affermano di aver sviluppato un vaccino in grado di neutralizzare la sindrome respiratoria acuta grave Coronavirus 2 (SARS-CoV-2) nelle cellule animali.

Il team di ricercatori italiani ha effettuato un test presso l’Ospedale Spallanzani di Roma, specializzato in malattie infettive. I risultati di questo studio iniziale sui topi sono stati estremamente positivi. Dopo una singola dose, i cinque vaccini effettuati sono stati in grado di indurre una forte risposta positiva  contro la proteina portatrice di  SARS-CoV-2, in soli 14 giorni.

 

Covid-19, il vaccino sarà disponibile entro un anno?

Tuttavia, nella prima svolta mondiale, gli scienziati hanno sviluppato il candidato al vaccino Covid-19 coltivando anticorpi nei topi. Questa è la prima volta che gli scienziati trovano un modo per neutralizzare il virus. Il team afferma che dovrebbe iniziare le prove umane entro giugno.

“Secondo l’Ospedale Spallanzani, per quanto ne sappiamo, siamo i primi al mondo ad aver dimostrato la neutralizzazione del Coronavirus da parte di un vaccino. Prevediamo che ciò accada anche nell’uomo ”, ha dichiarato Luigi Aurisicchio, coautore dello studio. I test condotti dagli scienziati italiani mostrano che il vaccino potrebbe potenzialmente funzionare contro la SARS-CoV-2 nell’uomo. Inoltre, il team sta esplorando altre piattaforme all’avanguardia con la compagnia farmaceutica LineaRx, nel tentativo di sviluppare ulteriormente il vaccino.

covid-19 vaccino

Il vaccino potrà essere somministrato anche all’uomo

Per avere successo nella sua impresa, il team di ricercatori richiede il supporto non solo del governo italiano ma anche di istituzioni e partner internazionali che potrebbero voler aiutare ad accelerare il processo. La dichiarazione è arrivata dopo che Pfizer, un’azienda farmaceutica, afferma che potrebbe avere un vaccino pronto per l’uso di emergenza entro settembre. Tuttavia, Fauci ha affermato che la data più realistica sarà entro gennaio. In genere, i vaccini possono richiedere da cinque a 15 anni prima che raggiungano il mercato, ma accelerando il processo, può essere più breve.

Alcuni sostengono che i consueti ostacoli allo sviluppo del vaccino siano stati rimossi dalla pandemia di Coronavirus, quindi, rendendo più veloce l’assunzione di un vaccino funzionante verso l’inizio del prossimo anno. Nel frattempo, l’Organizzazione mondiale della sanità ha dichiarato che l’infezione intenzionale di volontari sani con il virus può accelerare gli studi sui vaccini contro la SARS-CoV-2. Sebbene tali studi possano comportare pericoli per i partecipanti, sono necessari in situazioni terribili come la pandemia di Coronavirus.

Con oltre 100 candidati al vaccino oggi, l’agenzia sanitaria esamina la fattibilità e la sicurezza di fare studi sulle sfide.