sindrome-di-stoccolma

La sindrome di Stoccolma è uno stato psicologico che si insinua nelle vittime di un rapimento e, di solito, finiscono per generare un legame di affetto o di difesa con il proprio rapitore.

La sindrome di Stoccolma è un legame emotivo che sorge tra la vittima di un rapimento con il suo rapitore. Questa situazione può comunemente portare l’ostaggio ad entrare in empatia in modo tale con il rapitore, che finisce persino per sostenere la sua causa. Questa sindrome di solito appare nelle persone che in qualche modo hanno provato o provano repulsione verso le forze dell’ordine.

 

Storia della sindrome di Stoccolma

La sindrome di Stoccolma ha origine nel 1973, quando un gruppo di criminali cercarono di perseguire una rapina in una banca ed entrarono armati di mitragliatrici in una banca. I criminali trascorsero quattro giorni rinchiusi con i loro ostaggi. Il capo di quell’operazione era Jan – Erik Olsson, che entrò in banca, ma la polizia circondò l’edificio così da impedirgli di andarsene. Decise quindi di prendere diversi impiegati come ostaggi e finirono trascorrere insieme, circa 130 ore.

Tre erano le donne e un uomo che rimase legato in una camera fino a quando non furono salvati tutti. Avevano dinamite su tutto il corpo e, durante il rapimento temevano per le loro vite, perché erano stati minacciati. La cosa sorprendente è che, quando la polizia fu in grado di liberarli, gli ostaggi avevano già generato talmente forti sentimenti di attaccamento che rifiutarono persino di testimoniare contro i loro rapitori.

Fu una sorpresa che uno dei 3 ostaggi si innamorò del rapitore e criticò il governo svedese per non aver capito i motivi per cui i criminali furono costretti alla rapina. Successivamente, è stato riferito che l’ostaggio ha partecipato a un altro rapimento organizzato dal suo stesso rapitore.

In quei momenti, gli ostaggi hanno riconosciuto in diverse interviste di essere giunti a pensare che i loro stessi rapitori stesso proteggendoli, al punto da credere che i cattivi fossero quelli che li avevano liberati.

Questo evento è stato il primo preso come modello per dare a questo fenomeno il nome di Sindrome di Stoccolma. È stato nominato per la prima volta dal professor Nils Bejerot, specializzato nella ricerca sulla dipendenza.

 

Cause della sindrome di Stoccolma

La causa che scatena la sindrome di Stoccolma è un evento post traumatico. Questo disturbo, comunemente appare in quelle persone trattenute contro la loro volontà o private della loro libertà.

È stato studiato che maggiore è il tempo del rapimento, maggiore è la probabilità di soffrire di questa sindrome. Allo stesso modo, è noto che all’inizio le vittime temono sinceramente per la propria vita, ma col passare del tempo e il contatto con l’aggressore, il timore diminuisce, iniziando a credere che il rischio non esista.

È stato studiato che gli ostaggi possono generare questa sindrome come meccanismo di difesa e sopravvivenza, in primo luogo per avvicinarsi al loro rapitore e per compiacerlo nel tentativo di salvarsi la vita. Un fatto sorprendente è che la sindrome di Stoccolma può essere sofferta sia da ostaggi che dai rapitori stessi.

 

Sintomi della sindrome di Stoccolma

La sindrome può essere riconosciuta da sentimenti benevoli, che si evolvono in attrazione, solidarietà e comprensione, dalla vittima al suo rapitore. Attraversa diverse fasi, dalla prima in cui ci si trova in una situazione sbilanciata, percependo il pericolo e provando angoscia e insicurezza. È qui che inizia il meccanismo di difesa dell’istinto di sopravvivenza, che porta ad un avvicinamento.

Un altro modo per riconoscere la sindrome è quando l’ostaggio giustifica il suo rapitore al punto da incolpare altre persone o si trova in solidarietà con la sua causa. E, inoltre, mantenere questi sentimenti positivi nei confronti del rapitore, anche quando il rapimento è terminato.

 

Trattamento della sindrome di Stoccolma

Al fine di superare il trauma di qualsiasi rapimento, è molto importante che il paziente sia trattato da uno psicologo o psichiatra. È noto che la Sindrome di Stoccolma, in generale, di solito non ha bisogno di cure specifiche, perché col passare del tempo e dopo il recupero della vita quotidiana, i buoni sentimenti nei confronti del rapitore scompaiono.

 

Condizioni per soffrire di questa sindrome

Ci sono alcune condizioni che devono essere innescate perché si verifichi la Sindrome di Stoccolma ed è perché questo disturbo non ha origine al 100% da rapimenti. Affinché una persona possa essere coinvolta dopo essere stata tenuta in ostaggio e soffrire della sindrome di Stoccolma, condizioni come:

  • trattenuta contro la sua volontà, la vittima deve essere stata in un ambiente confinato e in cui aveva solo il suo rapitore come riferimento. È noto che se gli ostaggi costituivano un folto gruppo di persone, era difficile per loro sviluppare la sindrome;
  • l’azione dei rapitori ha una chiara base ideologica, al punto da avere una grande influenza sull’ostaggio. Può verificarsi un contatto diretto tra il rapitore e la vittima, in modo che nel tempo possa identificarsi con lui.
  • è possibile che se la vittima ha altri referenti di controllo interno, non sviluppi il disturbo ed è necessario che l’azione del rapitore non sia violenta, perché altrimenti è quasi improbabile che soffra della Sindrome di Stoccolma.