catnip gatti

Se avete mai osservato un gatto reagire ad una pianta di Catnip, sembra che l’animale reagisca effettivamente ad una droga ricreativa. Alcuni gatti diventano freddi e altri vengono invece estremamente stimolati. Il perché di queste reazioni è stato recentemente spiegato attraverso uno studio pubblicato su Science Advances.

Innanzitutto cos’è la Catnip? Comunemente conosciuta come “erba gatta”, tale pianta appartiene alla famiglia della menta ed è solitamente rinomata per respingere gli insetti per via del suo odore pungente. Questo proviene da una sostanza chimica chiamata nepetalattone. Proprio l’inalazione di questa sostanza rende i gatti euforici che spesso reagiscono sfregandosi sulla pianta o rotolandosi con la Catnip tra le zampe.

In questo nuovo studio, i ricercatori hanno esaminato la storia evolutiva del nepetalattone. Dopo aver condotto un’analisi genetica sulla pianta, il team ha scoperto che, nel corso della sua storia evolutiva, la Catnip si è evoluta per produrre nepetalattone non una, ma due volte. Ciò significa che le piante antenate di Catnip ad un certo punto hanno smesso di produrre la sostanza chimica, quindi si sono evolute una seconda volta produrla nuovamente.

È un esempio di “evoluzione ripetuta con una svolta”, scrivono i ricercatori. Mentre i prodotti chimici del nepetalattone hanno la stessa struttura di altre molecole che producono profumo nella famiglia della menta, ci sono differenze chiave.

 

Ecco perché la Catnip rende folli i nostri gatti e la menta piperita no

Il co-autore dello studio Benjamin Lichman , un biologo vegetale dell’Università di York, afferma che il suo team “ha scoperto una serie di enzimi insoliti” responsabili della creazione del nepetalattone. “Questi enzimi non si trovano in nessuna specie vegetale correlata e si sono evoluti in modo univoco in erba gatta”, spiega Lichman.

Altri tipi di menta, come la menta piperita, producono sostanze chimiche formate da un solo enzima. Ma la Catnip ne usa due: un enzima attiva un composto, che un secondo enzima raccoglie in un doppio processo.

È interessante notare che, all’interno del genoma della pianta, i geni responsabili della creazione del nepetalattone si trovano uno accanto all’altro. Formano un cluster genetico che ha fornito ai ricercatori indizi sul perché l’erba gatta è diversa dai suoi parenti. “Questo ci ha permesso di risolvere il problema più facilmente”, afferma Lichman.

catnip gatti

Perché i gatti impazziscono una pianta di menta?

La scienza dietro il magnetismo nei confronti dei gatti ha a che fare con lo stesso profumo forte per cui la Catnip si è evoluta due volte. Le sostanze chimiche fortemente profumate colpiscono i recettori nel tessuto dei gatti, vicino al naso, e attivano le stesse vie neurali dei feromoni sessuali.

Dal punto di vista evolutivo, il motivo per cui il profumo forte è importante è che può avere un effetto simile sugli insetti che mangiano afidi simili alla menta. “Pensiamo che producendo questi composti volatili, la pianta ‘confonda’ gli insetti”, in precedenza Lichman ha detto a Inverse, “che impedisce loro di atterrare sulla pianta e mangiarla”.

Per quanto riguarda l’effetto eccitante, ci sono altre piante che causano una reazione simile. La valeriana e la vite d’argento possono avere un risultato simile. Se notate che il vostro gatto ha una simpatia per la vostra pianta ragno, potrebbe essere perché ha un lieve effetto allucinogeno sui felini. (Non preoccupatevi, le piante ragno non sono tossiche per gli animali.)