Alaska tsunami

I cambiamenti climatici hanno aumentato il rischio di un’enorme frana in un fiordo dell’Alaska che potrebbe causare uno tsunami catastrofico, hanno detto gli scienziati. Le temperature calde hanno causato la ritirata di un ghiacciaio che sostiene una ripida pendenza lunga circa due chilometri nel Prince William Sound, a circa 96 km a est di Anchorage.

Con solo un terzo della pendenza supportata dal ghiaccio, gli scienziati hanno detto che una frana potrebbe essere innescata da un terremoto o addirittura un’ondata di calore che potrebbe causare un esteso scioglimento dei ghiacci.

 

Alaska, i cambiamenti climatici sono così dannosi da provocare uno tsunami?

I ricercatori hanno stimato che un crollo improvviso ed enorme è possibile che avvenga da un momento all’altro. “Potrebbe accadere in qualsiasi momento, ma il rischio aumenta solo quando questo ghiacciaio si allontana“, ha detto Anna Liljedahl, idrologa dell’Alaska. Il Dipartimento delle risorse naturali dell’Alaska, informato sui risultati, ha rilasciato una dichiarazione avvertendo che “una frana sempre più probabile potrebbe generare un’onda con effetti devastanti su pescatori e ricreativi”.

La modellazione al computer ha mostrato che un crollo dell’intero pendio, approssimativamente stimato in 500 milioni di metri cubi di roccia e terra, potrebbe causare uno tsunami che sarebbe iniziato a circa 30 metri.

Il dott. Liljedahl ha affermato che, sebbene le loro scoperte debbano ancora essere sottoposte a ulteriori ricerche, “ci siamo resi conto che dovevamo far sapere alla gente”. Ha detto che i ricercatori speravano che i soldi sarebbero stati resi disponibili per il monitoraggio quasi in tempo reale della pendenza che potrebbe fornire un avvertimento in caso di frana e tsunami.

Con il bel tempo, potenzialmente centinaia di persone potrebbero essere nella zona. Sebbene abbia una popolazione annuale di sole diverse centinaia, Whittier è un punto di sbarco per migliaia di passeggeri e di navi da crociera diretti nell’entroterra verso Anchorage e diretti a nord.

Alaska tsunami

Altri casi di catastrofici tsunami avvenuti in Alaska

Le frane che provocano lo tsunami sono rare ma si sono verificate in Alaska e altrove. Forse il più famoso si è verificato il 9 luglio 1958, nella baia di Lituya, quando un vicino terremoto ha fatto scivolare 40 milioni di metri cubi di roccia nella baia. L’acqua rotolò quindi nella baia con un’onda alta circa 22 metri sommergendo diverse barche da pesca e uccidendo due persone.

Più recentemente, una frana del 2015,  in una zona remota a ovest di Yakutat, ha generato uno tsunami che inizialmente era più di 180 metri. E una frana sulla costa occidentale della Groenlandia nel 2017 ha creato un’onda, inizialmente alta più di 90 metri, che ha distrutto gran parte di un vicino villaggio di pescatori e ucciso quattro persone.

I ricercatori di 14 organizzazioni e istituzioni hanno iniziato a studiare l’area di Barry Arm circa un mese fa per studiare il movimento di massa terrestre attraverso l’Artico nordamericano. Il Dr. Higman era a conoscenza di diverse aree dell’Alaska che avevano un rischio di frana.

Alaska tsunami

Il terreno perennemente ghiacciato potrebbe aiutare a mantenere stabile la pendenza

Ha studiato le immagini satellitari e ha determinato che la pendenza stava effettivamente scivolando nel tempo. Ulteriori analisi hanno dimostrato che il tasso di movimento era elevato; tra il 2009 e il 2015, la frana si è spostata in discesa di circa 180 metri. I ricercatori affermano che il permafrost, o terreno permanentemente ghiacciato, potrebbe esistere nell’area e potrebbe aiutare a mantenere stabile la pendenza.

Il cambiamento climatico ha anche causato il disgelo del permafrost in molte parti del mondo; quindi se si stesse scongelando Barry Arm ciò potrebbe contribuire al rischio di frana. Ma il dottor Higman ha detto che dubitava che il permafrost avesse svolto un ruolo importante lì. Il violento scuotimento di un terremoto può far crollare un pendio e l’Alaska è tra le aree più soggette al terremoto del pianeta.

Whittier, infatti, fu pesantemente danneggiato da uno tsunami durante il terremoto in Alaska del 1964, il secondo più potente mai registrato. Tuttavia la gravità può far fallire una pendenza durante i periodi di forti piogge o se un’ondata di calore scioglie la neve superficiale. In questi casi, l’acqua può agire da lubrificante, aumentando la probabilità che il terreno venga trascinato in discesa per gravità.