curcuma

La curcuma è una spezia contenente curcumina, un composto antiossidante e antinfiammatorio, che porta benefici alla nostra salute. Oltre per la salute sembrerebbe essere benefica anche per la nostra bellezza.

Per vedere quali benefici comporta per la nostra salute la spezia deve essere sottoposta ad ulteriori studi, in quanto non sappiamo con precisione quanta quantità dobbiamo ingerire per avere risultati efficienti. Tuttavia, alcuni studi hanno scoperto che la curcuma è un alimento aggiuntivo salutare alla nostra dieta per determinati motivi. Scopriamo insieme quali.

 

La curcuma può aiutare a perdere peso

La spezia, secondo alcuni studi, può dare una grande mano a perdere peso. Alcuni ricercatori, infatti, collegano la curcumina alla perdita di peso e all’abbassamento dell’IMC. Secondo Patricia Bannan, dietista dietista registrato a Los Angeles ed esperto di cucina sana: “Mentre aumentare l’assunzione di curcuma da sola non è una grande strategia per la perdita di peso, può aiutarti a mitigare l’infiammazione associata all’obesità e darti un leggero aumento del grasso brucia”.

Ma Bannan sottolinea che è meglio prenderlo dagli alimenti, ad esempio mangiare più curry. Se si integra, consultare prima il medico da cui siete seguiti.

curcuma

La curcuma può dare un pò di sollievo a chi soffre di artrite

La curcumina è un polifenolo, un tipo di antiossidante, che contribuisce alle proprietà antinfiammatorie della curcuma . Diversi studi, hanno suggerito che la curcumina ha la capacità di ridurre il dolore, la rigidità e il gonfiore delle articolazioni colpite dall’artrite. La Fondazione per l’artrite suggerisce persino che le persone con artrite possono provare le capsule di estratto di curcumina, due volte al giorno.

Tuttavia alcuni dietisti non sono d’accordo con questa affermazione. Assumere più di 500 mg di curcumina può inibire l’assorbimento di ferro, indispensabile per la produzione di globuli rossi che trasportano l’ossigeno. Se si vuole integrare, si dovrebbe prendere la curcumina con pepe nero, altrimenti il ​​tuo corpo ha difficoltà ad assorbire la sostanza.

La Fondazione per l’artrite nota che alte dosi di curcuma / curcumina possono causare mal di stomaco. Raccomandano di evitarli se si assumono farmaci per fluidificare il sangue come Coumadin, se si prevede di sottoporsi a un intervento chirurgico, in gravidanza o se hanno la cistifellea.

Può avere benefici sull’ umore

La spezia agisce sull’infiammazione del nostro corpo e proprio quest’ultima può agire sulla depressione. Un’analisi di 10 studi sulla curcumina e la depressione pubblicata nel 2019 su Critical Reviews in Food Science and Nutrition ha suggerito che potrebbe migliorare i sintomi di ansia e depressione .

Bannan afferma che la maggior parte delle ricerche disponibili indicano che la curcumina può aiutare a ridurre i sintomi della depressione in coloro che stanno già utilizzando un antidepressivo.

La spezia aiuta a combattere il diabete

Secondo il CDC la maggior parte della popolazione soffre di diabete o pre diabete. La ricerca sulla curcumina suggerisce che può funzionare come un agente ipoglicemico: ridurre e aiutare a controllare i livelli di glucosio nel sangue (glicemia) nelle persone con diabete di tipo 2. Un buon controllo della glicemia può aiutare a prevenire le gravi complicazioni di salute associate al diabete , come la neuropatia (danno al sistema nervoso) e la nefropatia (malattia renale).

Bannan afferma che i ricercatori hanno suggerito che la curcumina può anche aiutare a prevenire o ritardare il diabete di tipo 2, ma che l’idea è ancora in corso e necessita di ulteriori ricerche. “Sono necessari ulteriori studi clinici con l’uomo per una migliore comprensione della curcumina e degli effetti della curcuma”.

curcuma

Può aiutare a prevenire l’Alzheimer

La curcuma viene utilizzata nell’Ayurveda , un sistema di guarigione olistico che ha avuto origine in India migliaia di anni fa ed è ancora popolare oggi. È possibile che la curcuma possa aiutare a prevenire o ritardare l’insorgenza dell’Alzheimer? Ancora non si può affermare con certezza, ma una teoria è che la curcumina può aiutare a inibire le placche che la ricerca ha collegato al danno neuronale nel cervello .

Tuttavia la curcuma può aiutare la tua memoria: Consumare un grammo di curcuma ogni giorno può essere utile per la memoria o la funzione cognitiva, specialmente nelle persone che hanno il pre diabete.

La curcuma può avere proprietà contro il cancro

L’infiammazione gira un ruolo fondamentale in tutto questo; le prime ricerche sugli animali suggeriscono che potrebbe esserci una connessione tra l’azione calmante dell’infiammazione e il cancro della curcumina. “Si ritiene che la curcumina abbia proprietà antiossidanti, il che significa che può ridurre il gonfiore e l’infiammazione”, afferma Bannan. Sebbene gli studi sugli animali non si traducano sempre in esseri umani, sono in corso ricerche per la curcumina e il suo impatto sul cancro nell’uomo.

Uno studio rivela che la curcumina sembra avere un potenziale anti tumorale, in quanto interferisce con le vie di segnalazione cellulare nelle cellule tumorali coltivate in laboratorio e viene studiato in numerosi studi clinici. Gli autori osservano che sono necessari ulteriori studi e studi clinici. A volte può causare effetti collaterali come nausea, diarrea, mal di testa e feci gialle.

curcuma

 

Può alleviare gli effetti di IBS e colite

Coloro che soffrono di sindrome dell’intestino irritabile combattono continuamente crampi allo stomaco, gonfiore, diarrea e numerosi altri spiacevoli problemi intestinali. La curcuma ha il potenziale per alleviare parte di questo disagio addominale.

Esaminando le persone che assumevano il farmaco mesalamina per trattare la colite ulcerosa, ha suggerito che la curcumina era meglio di un placebo per aiutare a ridurre i sintomi. La colite ulcerosa è una grave malattia infiammatoria intestinale che provoca ulcere nel tratto digestivo a causa di una reazione autoimmune.

Può abbassare i livelli di colesterolo

Bannan afferma che gli effetti della curcuma sui livelli di colesterolo sono un po ‘incoerenti. Tuttavia, la curcuma sembra abbassare i livelli di grassi nel sangue chiamati trigliceridi. Quest’ultimi sono un tipo di grasso che si forma nel sangue quando si mangiano più calorie di quelle che si bruciano.

Nel tempo, possono accumularsi e lavorare in tandem con il colesterolo cattivo chiamato LDL. Insieme il duo può indurire le pareti delle arterie, aumentando la possibilità di ictus, infarto e malattie cardiovascolari. La ricerca ha scoperto che le persone che assumevano curcuma e curcumina avevano livelli più bassi di colesterolo LDL e trigliceridi rispetto a quelli che non lo facevano. Ancora una volta, ciò richiede ulteriori ricerche e analisi, ma esiste un potenziale.

curcuma

La spezia può aiutare a combattere le malattie cardio vascolari

Le malattie cardiovascolari sono i massimi assassini in tutto il mondo. Mentre molti fattori contribuiscono all’ictus e alle malattie cardiache, uno dei problemi più importanti è l’infiammazione. Uno studio del 2020 ha suggerito che la curcumina potrebbe essere utile per prevenire o curare le malattie cardiovascolari.

Altri studi hanno suggerito che l’azione antinfiammatoria della curcuma può aiutare a prevenire le malattie delle arterie. Recenti studi suggeriscono che la curcumina può proteggere il cuore dall’ischemia, un rifornimento di sangue inadeguato a un organo o parte del corpo, in particolare i muscoli del cuore.

Può controllare le molecole pericolose come i radicali liberi

La curcumina può domare le molecole di ossigeno instabil, come i radicali liberi: mancano loro un elettrone, che li porta a danneggiare altre molecole nel tentativo di sostituire i loro elettroni, secondo una ricerca sui nutrienti sulla curcumina e sulle malattie del fegato. Nel tempo, il danno può incoraggiare il danno dell’arteria, la crescita del tumore ed è la causa principale dell’invecchiamento.

Gli antiossidanti, come la curcumina, ci proteggono dai radicali liberi offrendo un elettrone e neutralizzando la pericolosa molecola, senza diventare essi stessi un radicale libero.