covid-19 mascherina

I ricercatori dell’Università del Kentucky stanno lavorando allo sviluppo di una mascherina antivirale che potrebbe uccidere il Coronavirus al contatto. Dibakar Bhattacharyya, professore di ingegneria chimica dell’università, ha recentemente affermato di aver avuto un’idea per una maschera che “catturerebbe e disattiverebbe” SARS-CoV-2, il virus che causa il Covid-19.

Bhattacharyya ora ha ottenuto una sovvenzione di $ 150.000 dalla National Science Foundation (NSF) per sviluppare le mascherine. Bhattacharyya, che fungerà da investigatore principale nel gruppo di ricerca, ha affermato che ci vorranno circa sei mesi per creare la maschera di membrana finita e testata. Il lavoro sarebbe quindi facilitato da un produttore di membrane su larga scala, ha affermato l’università.

Bhattacharyya ha spiegato che le maschere presenteranno enzimi che si legheranno alle proteine spike del Covid-19 e li separeranno, uccidendo così il virus. “Il nuovo Coronavirus è coperto dalle proteine spike, che conferiscono alle punte il loro aspetto a forma di corona”, ha dichiarato.

“Le proteine spike sono anche ciò che consente al virus di entrare nelle cellule ospiti una volta nel corpo. Questa nuova membrana includerà enzimi proteolitici che si legheranno alle proteine del Coronavirus e li separeranno, eliminando il virus.”

Covid-19, l’innovativa mascherina ridurrebbe la diffusione del virus

Lo scienziato ha anche riferito che catturando il Coronavirus sulla loro superficie, le maschere ridurrebbero il numero di particelle virali nell’aria che potrebbero infettare gli altri nelle vicinanze. “Abbiamo la capacità di creare una membrana che non solo filtrerebbe efficacemente il Covid-19 come fa la maschera N95, ma disattiverebbe completamente il virus”, ha detto Bhattacharyya.

“Questa innovazione rallenterebbe ulteriormente e persino impedirebbe la diffusione del virus. Avrebbe anche applicazioni future per proteggere contro un numero di virus patogeni umani”. Bhattacharyya ha riferito che le maschere saranno molto sottili e le persone saranno in grado di respirare “molto facilmente” mentre le indossano. Potrebbero anche potenzialmente cambiare colore quando viene rilevato il Coronavirus, ha riferito.

Il ricercatore sta collaborando con i professori di ingegneria J. Todd Hastings e Thomas Dziubla, nonché con Yinan Wei del Dipartimento di Chimica dell’università, al progetto. Ha affermato che la collaborazione del team attraverso le discipline è una testimonianza dell’innovazione e dello spirito dell’università, nonché della sua missione incentrata sui servizi.

“All’Università del Kentucky, abbiamo a portata di mano grandi risorse e molte opportunità per impegnarci in ricerche all’avanguardia in tutte le discipline”, ha affermato Bhattacharyya. “I nostri ricercatori lavorano insieme e prestano la loro esperienza per risolvere le sfide per il bene più grande dell’umanità, non solo in un momento come questo, ma ogni giorno”.