Vitamina D

Diversi gruppi di ricercatori di diversi paesi hanno scoperto che i pazienti affetti da Coronavirus hanno spesso i livelli più bassi di vitamina D. I paesi con tassi di mortalità più elevati avevano un numero maggiore di persone con carenza di vitamina D.

Ciò porta ad affermare che la Vitamina D sia un ottimo alleato per combattere questo nuovo Coronavirus. Avere dei livelli sani di vitamina D può dare un vantaggio di sopravvivenza evitando la tempesta di citochine quando il nostro sistema immunitario reagisce in modo eccessivo.

Le prime ricerche non sono ancora state sottoposte a revisione paritaria, e mancano prove scientifiche che la vitamina D potrebbe prevenire COVID-19 o rendere l’infezione più mite. I ricercatori stanno cercando di capirlo; almeno 8 studi sono elencati su clinictrials.gov per valutare il ruolo della vitamina D nella prevenzione o nell’allentamento del Coronavirus.

 

In che modo i ricercatori hanno iniziato a guardare il legame tra vitamina D e il Coronavirus?

La vitamina D, prodotta quando il sole colpisce la pelle, ha molti altri benefici, come la salute delle ossa. Si trova anche in alcuni alimenti e integratori. Ecco alcuni studi recenti che hanno evidenziato lo stretto legame tra questa vitamina e la gravità del Covid-19.

  • I ricercatori del Regno Unito hanno valutato i livelli medi di vitamina D e il numero di casi COVID-19, nonché i tassi di mortalità, in 20 paesi europei. I paesi con bassi livelli di vitamina D nel sangue avevano un numero più elevato di casi e decessi da Coronavirus, afferma Petre Cristian Ilie.
  • Alla Northwestern University, i ricercatori hanno utilizzato la modellistica per stimare che il 17% di quelli con carenza di vitamina D sviluppasse una grave infezione da COVID-19. Hanno stimato l’associazione tra vitamina D e COVID-19 grave sulla base di un potenziale legame tra carenza di vitamina D e proteine ​​C-reattive.
  • In un piccolo studio, i ricercatori della Louisiana e del Texas hanno valutato 20 pazienti ricoverati in ospedale con COVID-19, scoprendo che 11 dei pazienti ricoverati erano carenti di vitamina D, ma solo quattro di questi non avevano bisogno di terapia intensiva.
  • Ricercatori indonesiani hanno valutato 780 casi documentati di COVID-19 e hanno scoperto che la maggior parte dei pazienti deceduti presentava livelli di vitamina D al di sotto del normale.
  • Ricercatori irlandesi hanno analizzato gli studi sulla popolazione europea e i livelli di vitamina D, trovando che i paesi con alti tassi di carenza di vitamina D avevano anche tassi di mortalità più elevati da COVID-19. Quei ricercatori hanno chiesto al governo di sollevare le raccomandazioni sulla vitamina D.

vitamina d

Ricerca Pre-COVID-19 sui benefici della vitamina D.

Anche se la ricerca sulla vitamina D e COVID-19 è appena iniziata, altre ricerche hanno scoperto che gli integratori di vitamina D possono aiutare a ridurre il rischio di infezione respiratoria. La vitamina D è “il negoziatore” perché “non sopprime il sistema immunitario, lo modula. La vitamina D rende le cellule immunitarie meno infiammatorie “.

Mentre la ricerca rileva che la bassa vitamina D può influire sulla gravità della COVID-19, non è ancora noto se il ripristino della vitamina D a livelli normali possa essere utile come trattamento. Nessuno può dire con certezza che avere un livello di vitamina D salutare ti aiuterà a evitare il virus.

Un ricercatore dell’Università delle Filippine sud-orientali ha valutato i livelli ematici di vitamina D di 212 persone con diagnosi di COVID-19 e ha scoperto che il livello ematico di vitamina D era più basso in quelli in condizioni critiche e più alto in quelli con un’infezione più lieve. La conclusione del suo articolo è che gli integratori “potrebbero eventualmente migliorare i risultati clinici dei pazienti infetti da COVID-19”.

Tuttavia, non tutti concordano sul fatto che la vitamina D possa essere utile per domare il nuovo Coronavirus. I ricercatori del Center for Evidence-Based Medicine hanno pubblicato una ”revisione rapida”, concludendo che ”Non c’erano prove relative alla carenza di vitamina D che predispone a COVID-19, né ci sono stati studi di integrazione per prevenire o trattamento di COVID-19″.

I ricercatori affermano anche che mentre c’è una “sovrapposizione” tra alcuni gruppi a rischio di essere a basso contenuto vitaminico e gruppi ad alto rischio di contrarre COVID-19, compresi gli adulti più anziani, le persone di colore e quelli con malattie croniche, quelle associazioni non sono provati.

Maggiori informazioni sulla vitamina D

Un semplice esame del sangue può rilevare se i livelli di questa vitamina sono sani o carenti. La vitamina D aiuta anche a modulare la crescita cellulare e ridurre l’ infiammazione. Alcune ricerche suggeriscono che potrebbe aiutare a prevenire e curare il diabete, ipertensione e problemi di zucchero nel sangue, ma il National Institutes of Health ritiene che la ricerca non sia chiara.

Per mantenere un livello ematico sano di vitamina D, l’Istituto di medicina raccomanda ai bambini di età inferiore a 1 anno di assumere 400 unità internazionali (UI) al giorno e le persone di età compresa tra 1 e 70 anni assumono 600 UI. Le persone di età superiore ai 70 anni dovrebbero assumere 800 UI al giorno.

Questa vitamina è naturalmente presente in pochi alimenti , ma viene aggiunta ad altri ed è disponibile anche come integratore, se prima di assumere un determinato quantitativo bisogna sentire il parere del medico. Gli esperti affermano che la tossicità della vitamina D può verificarsi con dosi da 50.000 a 60.000 UI al giorno. Troppo può portare a un accumulo di calcio nel sangue, insieme a vomito , debolezza, minzione frequente e battito cardiaco irregolare .