Covid-19 contagio

Con una popolazione di 350.000 abitanti la Navajo Nation è la più grande riserva indigena del paese.  Oggi, la comunità rurale ha più infezioni da COVID-19 di qualsiasi altro luogo al di fuori di New York e New Jersey.

Ad aprile, il suo tasso di infezione era 10 volte superiore a quello dell’Arizona, che circonda la maggior parte della nazione. I primi casi sono comparsi più di un mese fa, oltre 2.373 persone sono state contagiate e il bilancio delle vittime è di 73 vittime.

La necessità del Navajo è di gran lunga maggiore rispetto a qualsiasi altra tribù che si siano mai viste, afferma il rappresentante Deb Haaland, il cui distretto comprende parte della riserva. Le ragioni di ciò espongono il modo in cui la storia e le disuguaglianze di lunga data stanno modellando il modo in cui la malattia attacca.

 

Navajo Nation, il Covid-19 visto come una nuova forma di colonialismo

Nel 1864, i Navajo subirono la “Long Walk”, quando l’esercito americano li sottopose a più di 50 marce forzate lontano dalle loro terre. Molti Navajo morirono di polmonite lungo la strada, e c’è una ben nota leggenda locale secondo cui l’esercito americano distribuiva coperte infettate dal vaiolo per accelerare il genocidio.

Negli anni ’50, dopo la nascita della fiorente industria dell’uranio, il servizio sanitario non informò il Navajo della pericolosità delle radiazioni a cui i suoi minatori erano continuamente sottoposti. I minatori navajo iniziarono presto a morire di cancro ai polmoni e malattie respiratorie mentre i missionari cristiani portarono via i bambini navajo dalle loro famiglie per riunirli negli affollatissimi collegi e orfanotrofi.

Quindi, quando il Navajo Times ha riferito che probabilmente l’epidemia da Coronavirus è iniziata alla manifestazione del 9 marzo in una chiesa evangelica, Salomone afferma che la mentalità di tutti è immediatamente tornata al ruolo della chiesa nella colonizzazione del Navajo.

Navajo Nation

Nuovi finanziamenti per l’emergenza Covid-19 alle tribù indigene

Alcune voci cominciarono a trapelare dichiarando che i cristiani bianchi avevano portato il virus, forse anche intenzionalmente, creando confusione su come il virus si diffonde e il sospetto di informazioni dall’esterno. Ha riportato la sfiducia e molti brutti ricordi. Anche le misure di prevenzione COVID-19 sembrano una forma di colonialismo.

Gli operai del servizio sanitario indiano, gli infermieri scolastici e i funzionari del centro comunitario avrebbero potuto fare di più per informare il Navajo sull’importanza del distanziamento sociale prima che i loro funzionari fossero costretti ad attuare chiusure diffuse e intensi coprifuoco, ha affermato Salomone.

Il Dipartimento della Salute Navajo ha imposto per la prima volta ordini sul distanziamento sociale il 20 marzo. Il rappresentante Haaland, che sta sponsorizzando un disegno di legge che migliorerebbe l’accesso delle tribù ai programmi CDC, sta anche spingendo i media locali a ricevere finanziamenti di emergenza per il Coronavirus. L’ufficio stampa di Haaland afferma che “la parità di accesso a informazioni accurate e notizie culturalmente rilevanti salverà la vita”