duolingo

il 65enne Clayton Long trascorse la sua infanzia immerso nella cultura Navajo, salutando i compagni di clan con vecchie e affascinanti parole Navajo come ” Yá’át’ééh “. Diventato poi insegnante, ha cercato di preservare per circa tre decenni la sua lingua natia.

Questo lavoro a partire da oggi si espanderà in un altro territorio; quello dell’app store. Infatti Long ha iniziato a collaborare con Duolingo, l’app utilizzata per imparare facilmente le lingue, per cercare di far rivivere le oltre 7.000 lingue antiche diffuse in tutto il mondo.

duolingo

Duolingo permetterà ai giovani di imparare lingue antiche ormai perse

L’8 ottobre 2020, sarà celebrato in alcuni luoghi il Giorno dei Popoli Indigeni, e Duolingo lancerà corsi in Navajo, nelle Hawaii, due delle 3.150 lingue stimate che affrontano dubbi sulla loro sopravvivenza a lungo termine. Questa è quasi la metà delle 7.000 lingue stimate parlate in tutto il mondo.

Questo progetto non è stato realizzato per incassare denaro, ha riferito la società, “ma è solo qualcosa che sentiamo di dover fare”. La società, che ha attirato circa 300 milioni di utenti offrendo lezioni gratuite in dozzine di lingue, si trova in una posizione unica “non solo per preservare le lingue che muoiono ma renderle qualcosa che si sta diffondendo”, afferma Duolingo.

A sostegno di ciò, la società sottolinea il lavoro svolto dall’azienda sull’irlandese. Intorno a quando Duolingo ha lanciato il suo corso per quella lingua nel 2014, c’erano circa 100.000 madrelingua stimati . Ad oggi, 4 milioni di persone si sono impegnate nell’apprendimento della lingua attraverso l’app, un’impresa che ha guadagnato i grazie pubblici del presidente irlandese.

Secondo il linguista David Crystal, le lingue si stanno estinguendo al ritmo di una  ogni tre mesi. La chiave per rivitalizzare una lingua è assicurarsi che le nuove generazioni la imparino. Long spera di raggiungere centinaia di migliaia di giovani attraverso l’app gamified, rispetto alle 1.500 apprese che imparano il Navajo alla vecchia maniera nel suo distretto scolastico locale nella contea di San Juan.

“Siamo nel momento cruciale in cui perderemo molto se non raccogliamo nessuno dei bambini che vogliono impararlo o dovrebbero impararlo”, afferma Long. “Quando perdi una lingua, perdi sostanzialmente una cultura”.