inquinamento

Secondo un recente studio negli ultimi tempi l’inquinamento, causato dalla plastica, si sta insinuando e diffondendo nella fauna selvatica. Gli uccelli che vivono sulle rive del fiume stanno ingerendo plastica al ritmo di centinaia di piccoli frammenti al giorno.

Gli scienziati affermano che questa è la prima chiara evidenza che gli inquinanti plastici nei fiumi stanno salendo la catena alimentare. Pezzi di plastica di almeno 5 mm (microplastiche), inclusi poliestere, polipropilene e nylon, sono noti per inquinare i fiumi.

inquinamento

Inquinamento, le micro plastiche stanno risalendo la catena alimentare

I ricercatori dell‘Università di Cardiff hanno esaminato gli inquinanti plastici trovati in un uccello noto come mestolo, che guada o si tuffa nei fiumi alla ricerca di insetti sottomarini.Questi uccelli iconici, i mestoli, ingeriscono ogni giorno centinaia di pezzi di plastica, dando da mangiare questo materiale ai loro pulcini.

Precedenti ricerche hanno dimostrato che metà degli insetti nei fiumi del Galles meridionale contengono frammenti di micro plastica. Il fatto che così tanti insetti fluviali siano contaminati rende inevitabile che pesci, uccelli e altri predatori raccolgano queste prede inquinate. Il team ha esaminato escrementi degli uccelli che vivono vicino a fiumi che vanno dai fari di Brecon fino all’estuario di Severn.

Hanno trovato frammenti di microplastica in circa la metà dei 166 campioni prelevati da adulti e nidiacei, in 14 dei 15 siti studiati, con le maggiori concentrazioni nelle aree urbane. La maggior parte erano fibre tessili o materiali da costruzione.

I calcoli suggeriscono che i mestoli stanno ingerendo circa 200 minuscoli frammenti di plastica al giorno dagli insetti che consumano. Precedentemente hanno dimostrato che le micro plastiche sono presenti anche nelle profondità dell’oceano e stanno finendo nei corpi degli organismi viventi, dalle foche ai granchi agli uccelli marini. Ricordiamo che i fiumi sono la via principale tra terra e mare per le micro plastiche, come per esempio tessuti sintetici d’abbigliamento o pneumatici.