plastica banano

La plastica è tra i rifiuti più inquinanti al mondo. Ha tempi di degradazione lunghissimi e danneggia la fauna marina, rendendolo di fatto un forte danno al nostro ecosistema. Un’idea rivoluzionaria però mira a combattere questa piaga per la salvaguardia dell’ambiente; dall’Asia arriva il primo packaging eco-friendly realizzato con foglie di banano. Si tratta di un primo passo verso un ambiente privo di plastica, un’idea abbracciata per il momento dai supermercati del Vietnam e della Thailandia.

Tutto è partito dal Rimping Supermarket, un supermercato situato a Chiang Mai, una città tra le montagne della Thailandia settentrionale, celebre per i suoi templi buddisti. Grazie al suo packaging “plastic-free”, su Facebook l’idea è diventata talmente virale che i vietnamiti hanno voluto copiarla. Le foglie di banano sono state dunque abbracciata anche in Vietnam raccogliendo il favore dalla popolazione locale.

 

Infinite applicazioni per le foglie di banano

L’implementazione delle foglie di banano come packaging alternativo non è una sorpresa in questi paesi. In Asia infatti queste sono diffusissime e vengono impiegate sostanzialmente per qualsiasi cosa. Ad esempio sono usate nelle cerimonie o durante le feste, per servire piatti tipici o persino come contenitori per il cibo da asporto.

Poi c’è da dire che le foglie del banano sono particolarmente robuste, grandi e flessibili, e per via della loro consistenza “cerosa” sono perfette per stare a contatto con i liquidi. L’importante è usare le foglie più resistenti in modo che possano contenere gli alimenti senza rompersi.

plastica banano

I primi passi verso un pianeta “plastic-free”

Le foglie di banano sono in uso già da un po’ anche in Guatemala, a San Pedro La Laguna. Qui sono state introdotte per sostituire i sacchetti di plastica. Pensate che il sindaco ha persino imposto una sanzione per chi continua a distribuire buste monouso. Questa manovra è stata necessaria per via dei danni causati dalla plastica all’ecosistema, soprattutto nel lago Atlitlan, l’attrazione principale turistica della zona.

Insomma la guerra alla plastica è ufficialmente cominciata. Pensate che la stessa Unione Europea la bandirà definitivamente nella sua versione monouso a partire dal 2021. La prima nazione “plastic-free” sarà la Costa Rica, e anche l’Asia sta muovendo i primi passi. Anche l’Italia a questo punto dovrebbe prendere esempio.