Vitamina D

Proprio come la droga antimalarica promossa dal presidente degli Stati Uniti, Trump, curare con la Vitamina D pazienti malati di Covid sta subendo un’accelerato successo. Ciò ci porta a riflettere su cosa comporterebbe assumerne grandi quantità.

In realtà, può fare molto male. Nel caso dell’idrossiclorochina, l’Organizzazione mondiale della Sanità ha interrotto una sperimentazione clinica dopo aver scoperto che i pazienti con Covid-19 gravemente malati, trattati con idrossiclorochina e clorochina, avevano più probabilità di morire.

 

Cosa comporta l’assumerne troppa?

L’assunzione di troppa vitamina D può portare a un accumulo tossico di calcio nel sangue, causando confusione, disorientamento e problemi con il ritmo cardiaco. La dose giornaliera raccomandata per chiunque abbia più di 4 anni è di 600 UI / giorno negli Stati Uniti.

Per chiunque abbia più di 70 anni negli Stati Uniti, la dose sale a 800 UI / giorno; nel Regno Unito, l’importo giornaliero raccomandato è di 400 UI / giorno. L’hype ha indotto il National Health Service ad aggiungere un aggiornamento del Coronavirus alla sua pagina informativa sulla vitamina D: “Ci sono state alcune notizie sulla vitamina D che riducono il rischio di Covid-19. Tuttavia, non ci sono prove che assumere un quantitativo elevato di vitamina D sia corretto”.

Tale avvertimento è stato ripreso da altri gruppi di scienziati del Regno Unito, dell’Europa e degli Stati Uniti. Hanno pubblicato un documento di consenso sulla vitamina D che ammoniva contro alte dosi di integrazione di quest’ultima e ridimensionava la connessione con il nuovo Coronavirus.

La continua diffusione della malattia COVID-19, causata dalla SARS-CoV-2, ha portato a richieste di un’integrazione diffusa di vitamina D ad alte dosi”, ha scritto il gruppo. Queste chiamate non sono supportate da studi pertinenti sull’uomo in questo momento, ma piuttosto basate su speculazioni sui meccanismi presunti.

vitamina d coronavirus

In che modo è diventata famosa su Internet?

La confusione è iniziata quando i ricercatori, negli Stati Uniti e nel Regno Unito, hanno iniziato a confrontare i livelli di vitamina D di vari paesi con i loro tassi di mortalità per Coronavirus e hanno trovato un’associazione. I paesi che hanno riferito livelli più bassi avevano tassi di mortalità più elevati da Covid-19.

Dopotutto, le persone in tutto il mondo che sono a più alto rischio di carenza di vitamina D, quelle con patologie croniche sottostanti, età avanzata o colore della pelle più scuro, sono anche le stesse persone a più alto rischio di morire di Covid-19. Avere una pelle più scura rende più difficile per la pelle assorbire abbastanza sole per produrre questa vitamina.

I nostri corpi sono anche meno efficienti nel creare vitamina D mentre invecchiamo, quindi molti degli anziani sono tipicamente carenti di vitamina D. E la mancanza di sufficiente vitamina D è strettamente associata a malattie croniche comuni come malattie cardiovascolari e diabete.

Nel Regno Unito, ad esempio, dati recenti hanno scoperto che le persone di colore avevano una probabilità quattro volte maggiore di morire di Covid-19 rispetto ai caucasici. Il 38% di tutti i decessi per Covid-19 erano residenti in case di cura per anziani.

Negli Stati Uniti, i dati raccolti dalla Kaiser Family Foundation, hanno rilevato che mentre le persone di colore americane rappresentano il 13,4% della popolazione, le contee con popolazioni nere più alte costituivano più della metà di tutti i casi Covid-19 e quasi il 60% dei decessi.

Le basi della vitamina D

Come tutte le vitamine, la D è un micronutriente essenziale, da assumere in piccole quantità per la normale funzione cellulare. La funzione primaria è di aiutare l’organismo ad assorbire calcio e fosfato, mantenendo così muscoli e denti sani e ossa forti e con meno probabilità di rompersi.

Il corpo produce vitamina D quando la pelle è direttamente esposta al sole. L’esposizione indiretta, come il sole che splende attraverso una finestra, non creerà questa vitamina. I giorni nuvolosi, l’ombra, la vita in alta quota e più lontano dall’equatore influiscono anche sulla produzione del nostro corpo.

Per paesi come il Regno Unito potrebbe essere necessario un integratore supplementare nei mesi da ottobre a marzo. Una grave carenza può causare ossa morbide, sottili e fragili durante l’infanzia, una condizione chiamata rachitismo che si riscontra prevalentemente nei bambini malnutriti nei paesi in via di sviluppo.

vitamina d

La Vitamina D potrebbe non essere il fattore importante per guarire dal Covid-19

Il rachitismo è estremamente raro nei paesi sviluppati, poiché molti cibi come latte, alimenti per lattanti, pane, succo d’arancia, yogurt, margarina e cereali sono arricchiti con la vitamina  dai produttori. La migliore fonte di cibo per la vitamina D è il pesce grasso come salmone, tonno e sgombro; le fonti di piante sono minime e richiedono vegani e vegetariani a cercare l’integrazione.

Tuttavia questa vitamina fa molto di più che proteggere lo sviluppo osseo e muscolare. Aiuta le cellule nervose del cervello a trasportare messaggi e aiuta il sistema immunitario a combattere i batteri e i virus invasori. Gli studi hanno dimostrato che la carenza di vitamina D danneggia il sistema immunitario e alcuni studi.

Le infezioni procurate però non sono Covid-19 e in questo momento non ci sono benefici noti per l’assunzione di dosi di questa vitamina; superiori a quelle raccomandate. Sono in corso studi per vedere se l’integrazione di vitamina D avrà un effetto positivo, ma gli esperti che hanno scritto il documento di consenso sulla vitamina D sollecita cautela nel loro documento.

” La vitamina D dovrebbe essere focalizzata in modo particolare, non come un proiettile magico per sconfiggere Covid-19, poiché non esistono prove scientifiche sufficienti, ma piuttosto come parte di una strategia di stile di vita salutare per assicurare che le popolazioni siano nutrizionalmente nel posto migliore “, hanno affermato i ricercatori.