malattia-lyme-covid-19

Alcuni dei sintomi caratteristici della malattia di Lyme possono essere confusi con quelli del Covid-19. Ciò può avere gravi conseguenze a causa della diagnosi tardiva della malattia. Quando si sviluppano malattie simil-influenzali nelle persone che trascorrono del tempo all’aperto in aree in cui le zecche sono comuni, le malattie trasmesse da questi parassiti, come la malattia di Lyme appunto, dovrebbero essere considerate un probabile colpevole.

Tuttavia, questa estate, l’emergenza globale del nuovo coronavirus presenta una nuova serie di sfide per la diagnosi della malattia di Lyme e di altre malattie trasmesse da zecche.

 

I sintomi in comune

La malattia di Lyme condivide una serie di sintomi con il Covid-19, tra cui febbre, dolore e brividi. Chiunque confonda la malattia di Lyme con il Covid-19 può ritardare inconsapevolmente il trattamento medico necessario e questo può portare a sintomi gravi e potenzialmente debilitanti.

Mentre passiamo dalla primavera all’estate e al periodo di punta dell’attività delle zecche in gran parte dell’emisfero settentrionale, il tempo trascorso all’aperto aumenterà, così come il rischio di malattie trasmesse da zecche.

In alcuni casi, ci sono alcuni sintomi principali relativi a malattie trasmesse da zecche che può aiutare nella diagnosi. Ad esempio, la malattia di Lyme precoce è comunemente associata a un’eruzione cutanea in espansione. Dal 70% all’80% dei pazienti presenta questo sintomo.

Tuttavia, altri sintomi della malattia di Lyme – febbre, mal di testa e dolori muscolari e affaticamento – sono meno distinti e possono essere facilmente confusi con altre malattie, tra cui il Covid-19. Ciò può rendere difficile la diagnosi di un paziente che non ha notato un’eruzione cutanea o non sapeva di essere mai stato morso da una zecca. Di conseguenza, i casi di malattia di Lyme possono essere diagnosticati erroneamente.

Se la malattia di Lyme viene identificata e trattata rapidamente, da due a quattro settimane di antibiotici di solito possono estinguere la Borrelia burgdorferi, la specie di batteri che la causa.

Ma i ritardi nel trattamento della malattia di Lyme possono portare a sintomi più gravi e persistenti. Se la malattia di Lyme non viene trattata, possono verificarsi problemi neurologici e cognitivi e problemi cardiaci potenzialmente fatali e l’artrite dolorosa può essere molto più difficile da trattare.

Rapporti recenti suggeriscono che la fauna selvatica è diventata più audace questa primavera, vagando per i sobborghi e le città in cui il traffico di persone e veicoli è ridotto a causa del coronavirus.

I cambiamenti nel comportamento della fauna selvatica e nell’uso dell’habitat possono influenzare le malattie trasmesse da zecche. Ad esempio, i cervi dalla coda bianca sono ospiti importanti per diverse specie di zecche che mordono gli esseri umani nel Nord America orientale. Quindi, più cervi intorno alle case e ai quartieri possono portare a più zecche che probabilmente morderanno gli umani.

Le persone dovrebbero essere consapevoli delle attività che possono esporli alle zecche e i medici dovrebbero considerare la possibilità di malattie trasmesse da zecche, soprattutto a causa della possibile sovrapposizione di sintomi con Covid-19.