pompei

Un team di archeologi ha scoperto nel sito archeologico di Pompei una delle profumerie meglio conservate nell’antica Roma. In una dichiarazione rilasciata questa settimana, il team di esperti ha dichiarato che l’ex profumeria è stata trovata a Casa Ariadna, situata nella zona di Regio VII.

Il team ha lavorato per anni nelle rovine dell’antica città distrutta dalla violenta eruzione del Vesusio nel 79 d.C., e i risultati dell’indagine sono stati pubblicati in un volume dedicato all’artigianato antico dall’editore Archaeopress Archaeology (2020).

Oltre a un gran numero di bottiglie e unguenti in ceramica e vetro [trovati in contenitori], che dimostrano la vendita di profumi al pubblico, siamo stati anche in grado di analizzare l’intera catena di produzione e chiarire come venivano prodotte le essenze“, ha affermato Macarena Bustamante-Álvarez, uno degli autori dello studio.

 

Come si producevano i profumi nell’antica Roma

Il primo passo nella creazione di profumi romani era la spremitura di olive e fiori per ottenere una base oleosa del prodotto, nonché essenze floreali. Gli archeologi hanno trovato nella profumeria di Casa Ariadna i resti di una stampa che avrebbe svolto la stessa funzione.

I prodotti risultanti dalla stampa sono stati quindi finalizzati miscelando in lavelli allineati idraulicamente, utilizzando anche alcuni composti di origine animale come “leganti” dei prodotti che, una volta schiacciati, facevano in modo che queste essenze potessero essere “imbottigliate” e pronte per essere vendute.

Nel nostro studio, abbiamo proposto che i prodotti cosmetici fossero preparati in queste strutture usando lanolina grassa simile corrente, inferenza che può essere dedotta dalla posizione successiva di un’area di lanificazione, cioè uno spazio in cui la lana veniva lavorata e lavata”, hanno spiegato gli esperti. E aggiunto: “Nei primi lavaggi della lana che era ancora sporca, questo grasso veniva estratto, e poi serviva da base per alcuni preparati cosmetici“.

Per quanto riguarda l’uso di questi profumi nell’antica Roma, gli esperti ritengono che siano stati utilizzati in pratiche cosmetiche e igieniche simili a quelle di oggi, nonché in rituali funerari e come regali.

Il parco archeologico di Pompei è stato riaperto al pubblico questo martedì 26 maggio, dopo aver chiuso i battenti a causa della pandemia da Covid-19. Riconosciuta come patrimonio mondiale dell’UNESCO, Pompei è una delle attrazioni turistiche più popolari in Italia, che riceve circa 2.500.000 visitatori ogni anno.