terra stella

Un pianeta delle stesse dimensioni della Terra è stato avvistato attorno alla stella più vicina nel nostro sistema solare, Proxima Centauri. Il pianeta, chiamato “Proxima b”, ha una massa di 1,17 Terre e si trova nella zona abitabile di Proxima Centauri, dove il pianeta orbita circa ogni 11 giorni. Lo studio è stato pubblicato sulla rivista Astronomy & Astrophysics.

Le prime indicazioni dell’esistenza del pianeta sono state fornite nel 2013 da Mikko Tuomi dell’Università dell’Hertfordshire. I ricercatori ritengono che questo pianeta potrebbe avere il potenziale per ospitare la vita così come la conosciamo.

I ricercatori hanno rilevato il pianeta misurando la velocità radiale con lo spettrografo ESPRESSO installato su un telescopio in Cile. È tre volte più preciso di HARPS, precedentemente utilizzato per misurare la velocità di Proxima Centauri.

La velocità radiale, in relazione a un dato punto, è il tasso di variazione della distanza tra un oggetto e quel punto. Mentre un pianeta orbita attorno a una stella, la sua attrazione gravitazionale fa muovere una stella avanti e indietro. Questo piccolo movimento sposta leggermente lo spettro di luce della stella a causa dello spostamento Doppler, che può essere rilevato con strumenti sensibili.

terra stella

Proxima-b potrebbe potenzialmente ospitare la vita umana

Un basso disturbo della velocità di Proxima Centauri, rilevato da ESPRESSO, ha portato i ricercatori alla presenza del pianeta. Proxima Centauri dista circa 4,2 anni luce dal Sole, ma la NASA stima che impiegheremmo circa 73.000 anni per raggiungere il pianeta finché non verranno sviluppate nuove tecnologie. La propulsione ionica, la propulsione termica nucleare, la propulsione ad impulsi nucleari, i razzi a fusione e le vele laser sono tutti metodi che consentiranno di viaggiare sul pianeta.

Sebbene Proxima b sia circa 20 volte più vicino alla sua stella rispetto alla Terra con il Sole, riceve quantità comparabili di energia. Se esiste una forma liquida sul pianeta, potrebbe ospitare la vita. I ricercatori hanno riferito che ci vorrà ancora un po’ prima che ciò possa essere confermato.

Secondo i dati del team di ricerca attorno a Proxima Centauri orbiterebbe anche un secondo oggetto. Questo nuovo potenziale pianeta avrebbe una massa inferiore a un terzo della massa della Terra. Sarebbe dunque il pianeta più piccolo mai misurato usando il metodo della velocità radiale.