asteroidi ryugu bennu

Ryugu e Bennu sono due diversi asteroidi vicini alla Terra, ma una nuova ricerca suggerisce che una volta facevano parte di un asteroide più grande, chiamato “corpo genitore”. I due oggetti spaziali, molto simili tra loro, hanno la particolarità di essere stati entrambi visitati da veicoli spaziali negli ultimi anni.

L’astronave giapponese Hayabusa2 ha visitato e raccolto campioni da Ryugu, e questi campioni sono attualmente in rotta verso la Terra. La missione OSIRIS-REx della NASA è in orbita su Bennu da dicembre 2018 e raccoglierà campioni dalla superficie entro la fine dell’anno per tornare sulla Terra.

“Abbiamo l’entusiasmante possibilità che due missioni spaziali abbiano visitato due asteroidi vicini alla Terra quasi contemporaneamente, il che ci consente di scoprire due nuovi piccoli mondi”, ha affermato Patrick Michel, coautore, autore e direttore della ricerca.

Ciò che ha davvero affascinato i ricercatori è la sorprendente somiglianza dei due oggetti, prima che emergessero osservazioni più dettagliate. Questo è davvero affascinante perché questi asteroidi sono stati scelti in modo totalmente indipendente da una missione all’altra. La doppia missione spaziale sta facendo luce sulle sfumature di questi asteroidi che sarebbe stato impossibile conoscere dalla Terra.

 

Ryugu e Bennu, i due asteroidi gemelli

I voli ravvicinati di questi veicoli spaziali da parte degli asteroidi hanno rivelato quanto siano simili. Entrambi sono asteroidi di tipo carbonaceo, il che significa che la loro composizione include una grande quantità di carbonio. Ryugu e Bennu sono entrambi raggruppamenti di rocce tenuti insieme dalla gravità piuttosto che da singoli oggetti. Entrambi presentano crateri a impatto elevato sui loro equatori.

Ciò ha portato i ricercatori a credere che questi asteroidi fossero residui di asteroidi più grandi e che potrebbero aver avuto origine dalla stessa “famiglia di asteroidi”. Per decine di milioni di anni, gli asteroidi vicini alla Terra si sono scontrati con il pianeta o vengono mandati verso il sole quando interagiscono con la gravità terrestre.

La popolazione di asteroidi vicino alla Terra è piena di frammenti che provengono da collisioni di asteroidi più grandi, di circa 100 km ciascuno, nella fascia principale di asteroidi tra Marte e Giove. Questi piccoli pezzi vengono espulsi, ma poiché si susseguono, la loro reciproca attrazione è abbastanza elevata da farli riapparire per formare una famiglia di asteroidi aggregati.

asteroidi ryugu bennu

Piccole differenze

I frammenti dell’asteroide più grande, e qualunque cosa resti del corpo genitore, formano quella che gli astronomi chiamano “famiglia di asteroidi”. Questi frammenti possono essere posizionati su traiettorie instabili che cambiano la loro orbita da una circolare a una allungata che li fa attraversare l’orbita della Terra.

Entrambe le orbite simili di Bennu e Ryugu potrebbero essere ricondotte alla stessa regione nella cintura degli asteroidi. Ma quando i due veicoli spaziali raggiunsero Ryugu e Bennu, i ricercatori notarono alcune differenze chiave. La differenza più grande è che Ryugu era molto più secco di Bennu, il che causava dubbi se fossero asteroidi gemelli della stessa famiglia.

Tuttavia, le ultime ricerche dei team che studiano entrambi gli asteroidi hanno rivelato due diversi scenari che potrebbero essere responsabili dell’acqua contenuta negli asteroidi. Lo studio è stato pubblicato questa settimana sulla rivista Nature Communications.

asteroidi ryugu bennu

I diversi scenari sulla formazione dei due asteroidi

Sulla base delle loro simulazioni, i ricercatori hanno teorizzato che un asteroide di diametro compreso tra i 7 e i 12 km si è scontrato con l’asteroide del corpo genitore di Bennu e Ryugu, probabilmente largo 100 km. Questo impatto si è verificato nella fascia principale degli asteroidi, potenzialmente tra 60 milioni e 1,4 miliardi di anni fa.

In uno scenario, è possibile che Ryugu era vicino all’impatto e il calore intenso ne ha causato la secchezza, mentre Bennu era più lontano e non ha subito alcuna alterazione termica. Nel secondo scenario, Ryugu si è formato dall’interno del corpo del genitore, che è stato riscaldato e compattato dall’impatto, mentre Bennu proveniva da materiale di superficie sfuggito al riscaldamento intenso.

Entrambi gli scenari spiegano il fatto che una differenza di idratazione per gli asteroidi non significa necessariamente una diversa origine. Questa è un’altra dimostrazione che le collisioni svolgono un ruolo fondamentale nella storia del sistema solare e dei suoi corpi solidi.